giovedì 4 luglio 2013

La mamma e' sempre la mamma



Visto che questo blog si chiama Uno Nessuno Centomila, allora su dai, diamo i numeri. 
Tanto non sarebbe la prima volta. E comunque, visto che il mare mi rende insonne, nervosa, scorbutica, insofferente e in gnerale rimbecillita a livelli da encefalogramma piatto, piu’ che dare i numeri ora non saprei fare, visto che, appunto, al mare ci troviamo.
Io, Picca, il Gufo e la Iena.

Dear Husband e’ gia bell'e ripartito per il Colorado, dopo 6 giorni di cui
-          1 speso a recuperare il jet lag
-          3 pomeriggi a lavorare (poveretto :-( )
-          2 giorni in montagna di cui mezzo passato al PS di un paesino sperduto sperando che sapessero capire se al nostro amico era effettivamenet venuto un attacco di labirintite o se il suo aspetto verde e nauseabondo e la sua incapacita’ di camminare fosse dovuta a piu’ gravi cause. Per fortuna era solo labirintite (ma spero di non averla mai, perche’ non e’ bello).

E quindi noi ci siamo buttate nella mischia e siamo venute al mare, andando contro la nostra natura di creature di montagna, polenta e osei, in nome dello iodio e delle sue famigerate proprieta’ taumatugiche.
E speriamo di capitalizzare per quest’inverno.
Ma tanto la Iena ha gia’ fatto presente che 10 giorni non servono a niente, no no, tanto valeva non venire.
E stica’.
Anche perche’, per ora, abbiamo capitalizzato solo la seguente lista di disavventure, courtesy of Hotel  Silvano Fetente’s:
-        -  1 convenzione tra Hotel Fetente’s e una spiaggia inesistente.
-       -   3 virus gastro-intestinali
-        -  1 caduta della Picca dal seggiolone, la quale essendo l’unica non afflitta da virus (che sia perche’ non ha mangiato nulla del cibo cucinato dall’hotel, non avendocene il cameriere prospettato la possibilita’ anche piu’ remota, probabilmente in virtu’ del fatto che i bambini al di sotto dei 2 anni non pagano, si, ma manco mangiano eh!), ha pensato bene di non essere da meno buttandosi a volo d’angelo dal seggiolone seggiolina di tela con mini nastrino intorno alla vita, acccessorio tanto inutile quanto beffardo.
-          1 gita al PS (che a noi piace andare al PS, soprattutto d’estate nei paesi di villeggiatura sperduti), tanto per essere sicuri che Picca non si fosse ammaccata.
       o   6 ore di osservazione, a detta della pediatra. 1 ora e via, a detta nostra. Perche’ vabbe’ essere sicuri, ma la Picca sembra stare benone, e se i sintomi devono comparire, ora abbiamo la lista, e non sara’ poi piu’ facile individuare anomalie in condizioni di relativa routine quali la nostra camera d’hotel, invece che una sala giochi piena di
      o   Millemila bambini iperattivi e smoccolanti e pullulanti di virus?
      o   1 foglio con la firma della sottoscritta, in cui dichiara di rifiutare la permanenza in ospedale e di prendersi tutte le responsabilita’. Questa volta, al contrario dell’altra, la dottoressa ci ha lasciate andare senza fare storie.
-     1 rientro in Hotel Fetente's, dove ci aspettava un’orda di vecchietti in attesa di notizie, avendo la caduta di Picca avuto come teatro il ristorante dell’Hotel Fetente’s, dove appunto oltre ad una possibile tragedia, si stavano consumando anche svariati gerontopranzi a base di minestrina scotta e paillard rinsecchita.
-     Millemila “Alloooora, tutto bene il bambinooooo”. E una Sfolli bianca come un cencio e desiderosa solo di portare in camera Picca affinche’ potesse continuare con la sua routine di pisolino e mare taumaturgico, che rispondeva “Ssssiiiii, tutto bene la BambinA”. Svariate risposte insulse e insensate che vanno dal 
  “Ah, e’ una bambina...ma certo, si capisce subito, ha i capellio ricci” al 
  “Ma che brava, ora non piangi piu’ eh, brava ciuccia ciuccia il ditino, buono? Eh in mancanza d’altro...” di una signora, e si sta parlando di una gentil nonnina sulla settantina con tanto di capelli bianch-azzurrini raccontli a crocchia e nipotini a seguito O_o
-     1 caposala che ci insegue per dirci - con infallibile senso per il momento piu’ sbagliato di aprire bocca - che, insomma, ecco, tutti questi cambi di menu per la Signora Iena, ora basta, il cuoco s’e’ stufato. Per cui, se vogliamo continuare cosi, ci dovranno mettere in conto le variazioni e le aggiunte.
-     1 Sfolli che da fuori di matto in reception, perche’ va bene la convenzione con la spiaggia inesistente, va bene le stanze luride e il letto della Picca non rifatto, va bene la penuria di sacchetti dove buttare i pannolini sporchi, va bene dover fare manovre da Gran Rally per raggiungere il parcheggio passando per il bagno pubblico, va bene tutto ma...chiamare ‘aggiunte’ due mozzarelle e un riso in bianco richiesti con largo preavviso e preannunciati gia’ da settimane in virtu’ della mancante cistifellea della Iena, questo NO. 
E gia’ che c’e’, che si metta la sedia in stoffa e nastrino beffardo dove dico io, che d’ora in avanti la Picca mangia in braccio a me e basta.
-   1 seggiolone magicamente materializzatosi al tavolo a cena. Bello, solido, stabile, imbottito, ergonomico. E senza bretelle ne cintura. Ergo completamente inutile, se non potenzialmente piu’ pericoloso della malefica sedia di stoffa per via della maggiore altezza dalla quale cadere a volo d’angelo.
-    E per finire, l’ennesimo vecchietto che attacca bottone. Solo che questo si complimenta per la mia dedizione e premura di madre. Toh, un vecchietto simpatico e assennato, allora vedi Sfolli che c’e’ del tenero all’Hotel Fetente’s?
“Tutte le donne dovrebbero poter avere un figlio...anche le donne non piu’ giovanissime, anche le donne single...”, continua il vecchietto, mentre finalmente mi torna fiducia nel genere umano e comincio ad annuire con il cucchiaio a mezz’asta, rovesciando gocce di minestrina scotta sulla testa della Picca (lo so, non si maneggiano liquidi caldi quando si hanno in braccio i bambini – infatti ormai sono giorni che mi tracanno minestrine fredde, oltre che scotte).
“Cosi pure quelle vecchie zitellacce megere imparerebbero cosa sia l’abnegazione”, chiosa il vecchietto.
Tracollo di Sfolli. Copiosi litri di minestrina riversati inavvertitamente sulla testa di Picca, dai cui riccioli d’oro ormai penzolano svariati capelli d’angelo.
“Ma allora certi uomini, invece, non avrebbero bisogno di imparare l’abnegazione?”, trovo la forza di ribattere, ormai naufraga in un mare di minestrina e desolazione.
“Ah, vabbe’, ma che vuol dire. La mamma e’ sempre la mamma”, dice lui.
Ah be, certo.
E tu sei un vecchio rimbambito, e ora spostati e smetti di ronzarmi nelle orecchie, che io e la mia bambina vorremmo cercare di goderci il resto di questa vacanza.
Possibilmente senza cadute ne’ avvelenamenti ne’ barriere architettoniche.
Ma forse questo, all’Hotel Fetente’s, nonostante le sue 3 stelle, non e’ che un sogno...

Questo post partecipa al blogstorming di Genitori Crescono. questo mese il tema e' Sicurezza e Organizzazione d'Estate.

P.S. In tutto questo, sicurezza e organizzazione a parte, che sono importantissime, vorrei solo chiudere con una notizia di cronca: La Picca ha assunto un assetto bipede, finalmente... E quindi chissene della sfiga dai. La Picca Cammina!!!!  :-):-) :-)

26 commenti:

lu v ha detto...

Oh che angoscia!!! Ma si può sapere dove caspita siete finiti in vacanza?!?!??!
Come mi dispiace... però sei in buona compagnia.. io sono la regina delle vacanze "tuttaltrocherilassanti"..
;-)))9

Anonimo ha detto...

Alzati e cammina. e lei cosi fece. con calma pero'. Baci da speranza

Anonimo ha detto...

sfolli sei in Liguria? I suppose.
Anche mia mamma è in un tre stelle che vira pateticamente al due scarso, godetevi almeno il mare tra un acciacco e l'altro.
Magari next year organizziamo un sano torpedone marinaro con tutti i figli peccaminosi compresi quelli che vengono da oltre cortina di ferro, ex URSS e ce la spassiamo alla grandissima.
Un bacio Sandra Frollins

Velma ha detto...

Mi sa che dopo questa vacanza ti ci vorrà una vacanza.
Brava Picca.
Un abbraccio

Serena Semplicemente ha detto...

Ma dove siete finiti?? Gerontopranzi è stupendo! Brava la Picca che cammina!! La mia polpetta, invece, non ne vuole sapere di mollare il dito!

Jenisha ha detto...

Ewwai:-))) che cammina,fettente hotel..il volo d' angelo,piccina ...crescono e noi diventano i capelli bianchi..ma cosa è la labirintite? Sa di labirinto...:-)))baci...

ero Lucy ha detto...

Amore Picca, bravissima!! Si' pero' manco Fantozzi, e che cavolo!!

ElizabethB ha detto...

Picca, stimolata da condizioni ambientali avversi, da vera donna risoluta, riesce a camminare da sola! Grande Picca!

Robin ha detto...

E brava Picca!! Immagino che tutti i vecchietti dell'hotel fetente abbiano fatto la ola (se ancora ci riescono ;))
Lasciali perdere Sfolli, a una certa età è dura far cambiare mentalità alla gente. Quel che è peggio è che anche alcuni giovani hanno idee simili O_o

PetaloBlu ha detto...

sfolli
ma ndò state??
Picca ha imparato a camminare per scappare da lì, vero?
Tutta la mamma :)

PItipum pala ha detto...

Ma che per caso siete finiti a Villa Arzilla? La prossima volta vieni dalle mie parti, ché qui vivo in un locus amoenus :***

sfollicolatamente ha detto...

Oooohcacchio come sempre mi sono confusa: questo ERA il tema del mese di GC!
Almeno credo...

Comunque. Perche' blogger non mi lascia cambiare questo font tutto denso e anonimo, qualcuno lo sa?! Io vado su edit, cambio, salvo, apro il post e....non e' cambiato niente O_o

Vabbe.
Sandra si si siamo in Liguria, vicino a Imperia...cavoli ma pure i tuoi son finiti in un finto 3 stelle?! C'e' da dire che forse c'era da immaginarlo, visto che questo era l'unico hotel a nord di roma disposto a darci tre stanze a uso singolo (la Iena non vuole dormire col Gufo)..
Pare che anche altri clienti si trovino male comunque. Una ragazza diceva che il caposala s'e' rifiutato di portarle una bottiglia di acqua a temperatura ambiente perche' avrebbe dovuto andare in magazzino a prenderla, ed era troppo sforzo!!

sfollicolatamente ha detto...

Rosa, la labirintite e' un'infiammazione dell'orecchio (interno, medio, non mi ricordo) e ti da nausea e vertigini, ma forti eh, il mio amico era diventato verde e la crisi gli e' durata qualche ora. La guardia medica gli ha dato, tra le altre cose, il valium, pare che funzioni. Eccerto, al Valium non si dice mai di no ;-)

mammadisera ha detto...

Oddio ma veramente in che posto siete finiti???!!!! l'unica nota positiva è l'aria di mare.... Finalmente cammina yuppieeeeeeee! e il mio lo scambiano per femmina, sempre così... se son maschi dicono "che bella bimba" se son femmine "che bel bimbo" ma un paio di occhiali no???
La labirintite è bruttissima, ogni tanto ne soffre mia madre e sta malissimo.

Serena Semplicemente ha detto...

Cavoli ma allora siamo vicinissime! Anzi lo saremo da domani perché noi prenderemo la nave per tornare a casa stasera:-( ora mi sento un po' in imbarazzo perché sei ospite dalle mie parti e ti stai trovando male...non partire senza aver visto Cervo, è poco pratica con il passeggino ma è un vero gioiello!

sfollicolatamente ha detto...

Ma dai, davvero Serena?!
In realta' la Liguria mi piace molto: Nervi per esempio e' bellissima, e come anche Simona sa :-)), la nostra famiglia ci torna da tre generazioni. Anche qui comunque la spiaggia e' bella e il mare pulito...l'unica pecca e' il servizio, e magari sono stata sfigata io eh, pero' mi sa che sull'Adriatico son piu' organizzati. Certo, il mare la non e' cosi bello, senza offesa a nessuno!
A Cervo ci andiamo domenica mattina, prima di prendere l'autostrada alla volta del borgo pedemontano!!
Buon rientro :-)

Mammadisera, so proprio inciecati eh...ma la cosa assurda e' che, a detta del rimba di turno, i ricci dovrebbero essere da femmina O-o

mafalda ha detto...

Siete finiti nella culla dell'ospitalità, insomma :)
Cammina!! Che bello!! :)

Anonimo ha detto...

siete a Diano marina? Andora?
CERVO E' UN INCANTOOOOO
uno dei miei luoghi del cuore, visto con la scuola in 5 elementare e poi lo scorso ottobre con Emanuele.
Guarda che MIA MAMMA è al mare, mio padre in montagna, le loro 2 settimane all'anno sabbatiche e depurative. Ma oggi l'ho sentita e pareva contenta, insomma l'hotal ha diverse pecche ma sono gentili e la vacanza è in ripresa. Buon rientro.
romagna e nulla più!!!!
baci sandra

raffaella ha detto...

Che dirti, cara? Fanciullo la sfiga...la picca cammina:)
Raffaella

bussola ha detto...

E brava la Picca.... per quanto riguarda l'albergo... è veramente l'albergo dell'orrore

franci ha detto...

Evvai cammina!!! guarda focalizzo questo altrimenti mi viene l'ansia ;D buona vacanza!!

L'Apprendista ha detto...

Non ho mai avuto la labirintite ma per 24 ore sono stata al PS per forti vertigini e vomiti. In effetti non è cosa bella :(
Un bacio e w la Picca che cammina ;)

SuPeRaNa ha detto...

O mamma ma che hotel avete preso? Ma è quello di fantozzi? Io avevo già decimato tutto lo staff.. Guardiamo il lato positivo la Picci cammina! È se ti vuoi consolare la prima vacanza di Ciccio in Romagna, la si concluse con un giro in ambulanza a sirene spiegate.. È caduto battendo la testa..è non si svegliava.. Lui si è ripreso bene noi invece abbiamo 10 anni in meno da vivere!

Marica ha detto...

scusa Sfolli, ma mi fai ridere... anche se ci sarebbe da piangere!! :-)

pero' direi di fare una grandissima ola per la Picca che finalmente cammina :-D
e ora... ti tocca iniziare a correre :-)

Nina Cerca ha detto...

Povera sfolli vacanza agghiacciante! Altro che relax! Fortuna che c'è Picca! :**

Rachele ha detto...

Evviva cammina!!!!!! ora è finita la pace ;)
Però come sei crudele con quei pori vecèt... Finalmente hanno una botta di vita con voi due e tu li maltratti... :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...