domenica 17 febbraio 2013

Il fattore umano

Ormai lo sapete gia', vero, che e' da qualche mese che mi arrovello intorno alla questione adozione.
Lo so, avevo promesso che non ne avrei piu' parlato, perche' quando se ne parla, si solleva inevitabilmente un gran polverone.
E chi dice che si puo' fare perche' gli assistenti sociali sono gente che ce la mette tutta, e chi dice che no, la realta' e' ben diversa e, insomma, basta che diate un'occhiata alle discussioni che sono sorte sul forum del Fatto Quotidiano a proposito della recensione del libro di Raffaella per farvene un'idea.
Ma anche no, dai, che vi risparmiate l'embolo.

Vi faccio un riassunto, almeno della parte che piu' mi riguarda: l'eterologa.
C'erano i soliti ignoti (proprio nel senso che non si firmavano neanche) che partivano con la solita tiritera del "Ci sono tanti bimbi, perche' non adottare anziche' accanirsi con la pma" e poi ancora "Cosi rovinate la vita ad un bambino, perche' lo mettete al mondo solo per il vostro egoismo".
E la cosa sconvolgente e' che questo commento e' venuto anche da una donna infertile. Davvero un colpo basso. Lei ha fatto una scelta, e cioe' di non fare l'eterologa, ma perche' imporre questa scelta ad altre donne, a donne che hanno passato quello che ha passato lei?

Comunque.
Vi volevo dire che per ogni politica legislativa miope e insensata, c'e' sempre uno spiraglio di speranza che le cose possano aggiustarsi.
Che per ogni commento di donne contro altre donne, c'e' sempre la certezza che parlare e dibattere sia sempre meglio che affossare le questioni.
Che per ogni Carmen Russo ultracinquantenne che fa apparire la fecondazione eterologa (quando lo si dice, che e' eterologa, cioe' quasi mai) e tutto cio'e che gira intorno alla pma come un grande circo sgangherato e baraccone, c'e' sempre una storia di gente che ad un'eta' 'normale' insegue un desiderio 'normale' di essere mamma, e che racconta di quanto sia difficile e incerto questo percorso (grazie, Volpe, per la segnalazione!). Di come non sia sufficiente a 55 anni (ma anche prima!) farsi una curetta contro l'infertilita' per realizzarlo.


E poi volevo anche dirvi che per ogni assistente sociale frettolosa, brusca e incapace di di empatia, ce ne sono altre che sono disponibili a dedicare del tempo ad una coppia che ha delle perplessita' e dei sogni inconfessabili.
Come e' successo a noi, in questi mesi in cui siamo stati accolti, ascoltati, informati, indirizzati ad enti sul territorio, ad associazioni di volontariato, e allla fine si, siamo stati pure dissuasi dal proseguire nel nostro intento.
Pero' non e' questo il punto.
Il punto e' che abbiamo trovato qualcuno che ci ha aperto la propria porta con un sorriso e dedicandoci tempo, ragionando con noi con apertura e disponibilita'. Alla fine, certo, il risultato non cambia: ora come ora, con una bambina di un anno non avremmo mai l'idoneita' dal giudice. E questo perche' lei deve rimanere la sorella maggiore di un ipotetico bambino adottato, e visto che di bambini adottabili al di sotto dell'anno ce ne sono pochissimi (e le statistiche parlano chiaro, purtroppo), e visto anche che il giudice deve prendere una decisione in base alla nostra situazione familiare attuale, nonostante poi ci vogliano anni affinche' la macchina burocratica faccia il proprio lavoro, ecco, viste tutti questi fattori oggettivi, noi ora come ora non possiamo adottare.

Questa e' la realta', per quanto ingiusta.
Pero' aiuta molto avere qualcuno che ti dice "Si', e' ingiusto, e capisco che crei sofferenza, ma cio' non vuol dire che dobbiate abbandonare l'idea per sempre, oppure perche' no, lasciare che questa idea si evolva, che si trasformi, che vi assomigli sempre piu'".
Aiuta trovare persone lungo il proprio cammino disposte a riflettere con te, ad aiutarti a capire.

[A capire anche che, forse, il nostro desiderio di essere ancora genitori e quello di aiutare un bambino non devono necessariamente coincidere in una scelta forte, forse troppo forte per noi, come quella dell'adozione]

Aiuta trovare persone disposte ad aiutarti a capire senza importi nulla, semplicemente ascoltando, empatizzando, informando e, perche' no, anche sdrammatizzando.
Aiuta il fattore umano, soggettivo. Perche' questo, alla fine, noi siamo. Umani e fallibili.
L'importante e' non smettere mai di ascoltarci l'un l'altro, e di credere che nonostante le imposizioni e le ingiustizie e l'ineluttabilita' di tante situazioni, alla fine un margine di scelta, e quindi di umanita', c'e' sempre. Basta saperlo cogliere e coltivare.

21 commenti:

PItipum pala ha detto...

Condivido ogni singola parola!!Per ora lasciate socchiusa la porta dell'adozione, ma non sigillata e inoltre... tentar non nuoce! Una mia cara amica sta facendo la QUARTA embriodonazione (dire che è disperata è poco... ed ha appena 33 anni in menopausa precoce!) e sta anche tentando la strada per l'adozione. Dico a te quello che ho detto a lei, benchè non ci capisca 'na mazza: corazzati per bene, lecca il culo a qualche prete che a sua volta lo leccherà a qualche alto prelato (spesso è così, non prendiamoci per il culo!)
Per il resto hai la mia benedizione, tesorA!!
PS Ma certo che la Nannini c'ha una faccia da culo incrediBBBileeeeeeeeeeeeeee

PItipum pala ha detto...

PPS ho scritto "culo" 4 volte (di cui 1 sottinteso), anche per questo brucerò all'inferno? XD

PetaloBlu ha detto...

Sfolli mi denuncio qui in un commento che esula dal contenuto del post in modo da non apparire troppo e rimanere nell'ombra- Mi autodenuncio come bloggera malsana- mi sono fatta/complice caldaia rotta e cardiopatie varie/ tipo mezza giornata a leggere todo todo il tuo blog. mea culpa mea profunda culpa no soi a stalker no soi un senior.
Tutto è partito dall'accettazione del rutto- Da lì mi si è inorgoglita l'amigdala che ha iniziato a pisciare betaendorfine e le mie antenne psicosomatiche hanno deciso che adoriamo la tua consapevolezza e la tua ironia- Credo di essere tanto ignorante sull'argomento quanto voi vicini alla realizzazione di possibili sogni difficili da realizzare..se così andrete avanti.
Ascolto, parola d'ordine.
(Secondo una stima del tempo speso qui da un punto di vista capitalistico,ti devo tanti soldi quanto 6 entrate al cinema nel we - ora per me sei come "Cioè" per le ragazzine-)

sfollicolatamente ha detto...

hahahhaaaaah Petalo, mi sento onoratissima di essere come Cioe', uauauauaaaa bellissimo, in effetti in questo post mi sono proprio spremuta le meningi, ma in altri forse piu' che a un Tv Sorrisi e Canzoni non posso arrivare ;-DD

Pitipum, ohmmioddio, 4 embriodonazioni?! Massima benedizione anche da parte mia per la tua amica, e in culo alla balena (e fanno 5 :-))

Velma ha detto...

Ti leggo anche quando scrivi cose serie e mi piaci sempre.
Ciao cara

Anonimo ha detto...

Letto, concordo, ma non vado al fatto quotidiano per non farmi del male (ulteriore).
Ti abbraccio Sfolli cara, non mi dilungo. Scusami : ) Sandra

Anonimo ha detto...

Torno, e aggiungo: per aderire al progetto cernobyl non si deve aver presentato domanda di adozione.
Ora avendo noi già ottenuto decreto di non idoneità questa postilla non dovrebbe causarci problemi, ma non ne sono del tutto sicura, e comunque abbiamo dovuto segnalare la cosa in questura. Perchè chi vuole adottare potrebbe voler trattenere il bimbo ospitato, per sempre. Questa cosa non ha senso, perchè anche una coppia che non ha in corso un'adozione potrebbe affezionarsi al piccolo bielorusso e volerselo tenere. Perchè non restituire un bambino ovviamente è un reato e questa regola non serve a tutelarlo. Serve solo a farti sentire ancora una volta come se ti avessero messo un marchio addosso. In ogni caso se questa clausola dovesse impedirmi la realizzazione del progetto cernobyl sta volta farò davvero casino. baci sandra

sfollicolatamente ha detto...

Oddio Sandra, ma pure per Cernobyl ti devono mettere i paletti, ma dai ma questo si che e' accanimento!!

Velma cara <3

sfollicolatamente ha detto...

PS mi viene in mente che pure in UK non scherzano su sta cosa della donna infertile che per forza dev'essere una squilibrata da rinchiudere: qualche anno fa c'era stata una polemica su una puntata di una soap opera in cui una tipa dopo una Fivet negativa andava in ospedale a rubare un bambino dalla culla.
Ohsssignur...

raffaella ha detto...

Grazie Sfolli per ogni parola. Condivido, sento, provo. Non ho la forza sufficiente per intraprendere il percorso di adoZione, ne quella per convincere mio marito a ritentare la finte, quindi resta il miracolo, che mi pare tale in ogni aspetto. Ma credo che la battaglia in mano tua, sia in buone mani. Nel senso che, se c' e' una che può faccela, quella sei te. Tutto il mio sostegno, sempre, cara.
Raffaella

verdeacqua ha detto...

Le persone e l'importanza del loro ascolto sono un ingrediente fondamentale, proprio come la vostra tenacia e il vostro crederci, senza mollare al primo ostacolo. Ma che siete due con le palle si sapeva!!! Un abbraccio

Marica ha detto...

wh, sfolli... un abbraccio!

El_Gae ha detto...

Il tuo approccio ragionato ed equilibrato ti fa onore. Certo, per i ruoli di chi comunica certe cose, forse una selezione del personale fatta anche con la conoscenza delle persone e non solo sul curriculum, a volte, aiuta.

Claire ha detto...

sono d'accordissimo sull'importanza del fattore umano. Chissà, magari in futuro, quando la piccola avrà qualche anno in più, la porta dell'adozione si potrà aprire anche per voi. In ogni caso è un percorso molto impegnativo. Purtroppo anche dal punto di vista economico. Ho il massimo rispetto per le coppie che fanno la scelta dell'eterologa che, secondo me, non può mai essere una scelta che si fa a cuor leggero, senza pensare al futuro dei propri figli. Ci vuole tanto amore e coraggio e solo una coppia molto salda può fare una scelta come questa. Riguardo alla Nannini..confermo: grandissima faccia di culo!

Laura ha detto...

Un abbraccio forte :)

Vi auguro che l'idea evolva con voi :)

mafalda ha detto...

Penso che allora chiunque voglia un figlio sia egoista, perché farlo altrimenti? Ci sono delle teste di ca22o emerite in giro, che purtroppo emettono decreti e promulgano leggi, è questo che fa male.
E anche quello che scrive Sandra, spero non sia così.
Nessuno ha il diritto di giudicare, a parer mio.

Nina Cerca ha detto...

Mi piace lo spirito del tuo post, l'apertura che si respira. Brava tesoro, lucida e umana insieme. Non c è da aggiungere altro. Vi auguro sia solo questione di tempo. Ti abbraccio

Speranza ha detto...

Brava Sfolli!
mo' te lo dico: i tuoi post mi mancano tanto. Lo so che hai tanto da fare e devi studiare pure per il concorso. Non mi sono dimenticata, eh?

sfollicolatamente ha detto...

Grazie ragazze, grazie di cuore!
Non scrivo tanto ma ci sono e vi leggo sempre...
Infatti Speranza, sto concorsone mi ha mandasto fuori di zucca, che alla fine pero' potevo anche non studiare perche' la traccia era una roba da interpretazione personale (io oooodio interpretazione personale)
Poi vi aggiorno
Smuaaakkkkk

Susibita ha detto...

Ma mò codesta pulsatilla chi è? e perchè non la conosco? è perchè su internet mi viene fuori solo che è una pianta?
Illuminami, che mò sò curiosa.

Susibita

sfollicolatamente ha detto...

heheheheh allora non esiste piu il suo blog? Era in voga un paio di anni fa, poi ci ha fatto un libro, La ballata delle prugne secche :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...