mercoledì 16 maggio 2012

Il viaggio in UK #2


Ecco, dopo che io, Picca e DH siamo lentamente scivolati attraverso i cieli italo-franco-inglesi, sopra le catene Alpine, sopra Parigi, sopra la Manica, sopra manti di verde rilassanti e goduriosi, con Picca che non batte ciglio al decollo, sorride tutto il viaggio, e se la dorme beata con la tetta in bocca dopo un atterraggio morbido e delicato e io che dentro di me ripeto in loop
"Vi prego italiani non appaludite ora - vi prego vi prego vi prego - non fatevi riconoscere che Picca mi si sveglia e mi si frantuma l'idillio"
Eccole lì...

martedì 15 maggio 2012

Il ritorno in UK: una boccata d'aria fresca

Vediamo se questa volta Blogger si impietosisce e mi lascia scrivere del viaggio in UK, che sono giorni febbricitanti (in tutti i sensi: mi son beccata i germi in aereo ma ho anche mille cambiamenti in ballo, poi vi raccontero') e le dita fremono per tornare a raccontare.
Poi ora ho anche il picci nuovo, con la tastiera made in Italy con tutte le letterine accentate al loro posto, e non vedo l'ora di tornare a usarle dopo 8 anni di accenti random - solo che ora mi dimentico di averle, le letterine, quindi chissaà cosa verraà fuori bhuauhahaha

martedì 1 maggio 2012

De Ira #2 (chi la dura la vince!)

Non c'e' niente da fare, in questo giorni sono parecchio incazzosa.
Hai voglia a sfondarsi di olio alla lavanda, cioccolato, yoga, respirazione, passeggiate, e chi piu' ne ha piu' ne metta.

Sono proprio incazzata come una iena.
Oddio no, sto finendo come la Iena, proprio la cosa dalla quale sono scappata per mmh diciamo ventanni o giu' di li?

E' che gli ormoni non e' che se li tieni a bada il primo mese dopo il parto, poi sei a posto.
No no, loro ritornano, come in quel videogioco con quelle maledettissime talpe che devi prendere a randellate sulla testa quando sbucano fuori dalla tana. Per quante tu ne becchi, ce ne saranno sempre altre che saltano fuori a sberleffeggiarti.

Comunque.
Visto che Tania oggi parla di virtu', mi e' scattata l'associazione e ho pensato ad De Ira di Seneca. Cosi, en passant. 
Non che mi ricordi niente, infatti io a scuola nascondevo il bigino con le versioni di latino in bagno e poi me le copiavo tutte; nelle interrogazioni dal banco invece passavo ore tipo monaca amanuense a scrivere a matita la versione italiana in miniatura sopra quella in latino (no, non ero un genio del male, ero una pirla, e infatti mi sgamavano ogni 2 X 3).
Comunque.
Del De Ira di Seneca mi ricordo che diceva che l'ira scaturisce quando si hanno troppe palline in ballo, quando si e' un po' esauriti insomma, e al contempo si hanno delle aspettative troppo alte su eventi e persone. 
Come dire, la speranza e' una brutta bestia.
E allora ben mi sta, se ho sperato ardentemente che sfangare una sfiga dopo l'altra insegnasse qualcosa alla gente che mi circonda, che si potesse rilassarsi un attimo, goderci quello che abbiamo, che avevamo gia' e che abbiamo conquistato con sudore, e allo stesso tempo impegnarci a costruire un futuro in cui continuare a godere di questa felicita' senza troppe preoccupazioni.
Insomma, che la gente smettesse un attimo di prendersi a randellate in testa, di tirarsi secchi di letame a vicenda e si impegnasse un po' di piu' nelle cose che contano.
Niente. La gente non cambia.
E allora devo cambiare io, se ne voglio uscire.
Prima di tutto devo smettere di preoccuparmi per questo imminente viaggetto in UK. 
Si, andiamo a un matrimonio nella terra dei cagnetti isterici e frangettati, e io gia' mi immagino scenari apocalittici tipo cabine Ryanair che si depressurizzano (successo recentemente), hostess in menopausa che usano i passeggeri come stuoini umani (succede regolarmente), pitoni che dalla stiva si insinuano su per la tazza del bagno, vu cumpra' che attaccati all'ala dell'aereo con un Nuvenia Pocket si affacciano al finestrino per venderti una tessera del Bingo, seggiolini per neonato che si auto propulsano fuori dall'auto a noleggio, fish & chips al mercurio, bed & breakfast con moquette che pullula di vita propria, nottate in stanze grandi come un francobollo a sbattere la testa contro la suddetta moquette pur di non sentire gli strilli di neonata in stato lisergico...
Tra l'altro, ve l'avevo detto che fino a poco tempo fa le faccette e le movenze di Picca G superavano quasi quelle di Jonny Deep in Paura e Delirio a Las Vegas?


Ecco, sono un po' stanca, e urge un cambiamento di prospettiva.
Quindi.
Ripetere cento000 volte allo specchio che il viaggio in UK andra' bene e sara' tutto bellissimo.

E ora scusatemi, ma sento una vocina dolce e suadente che mi chiama.
Mi ricorda un po' quelle pubblicita' dei profumi, mmmh, com'e' che si chiamava quello la...
Ah, si - 

De Ira

Non c'e' niente da fare, in questo giorni sono parecchio incazzosa.
Hai voglia a sfondarsi di olio alla lavanda, cioccolato, yoga, respirazione, passeggiate, e chi piu' ne ha piu' ne metta.

Sono proprio incazzata come una iena.
Oddio no, sto finendo come la Iena, proprio la cosa dalla quale sono scappata per mmh diciamo ventanni o giu' di li?

E' che gli ormoni non e' che se li tieni a bada il primo mese dopo il parto, poi sei a posto.
No no, loro ritornano, come in quel videogioco con quelle maledettissime talpe che devi prendere a randellate sulla testa quando sbucano fuori dalla tana. Per quante tu ne becchi, ce ne saranno sempre altre che saltano fuori a sberleffeggiarti.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...