venerdì 16 novembre 2012

Tanta carne al fuoco (burp!)

...e in effetti, gli animaletti in casa Sfolli non mancano, ci si potrebbe benissimo fare un mini bbq, tutti in brulicante compagnia.
Ma non e' questa l'unica carne al fuoco di cui vi voglio parlare.
Oggi io, DH e i nostri bug amici (no dai, avevo scritto nei commenti che DH aveva preso le pulci, ma secondo me era tutta una roba psicosomatica perche' son giornate di fuoco anche nel senso che litighiamo come due forsennati, ma vabbe').

Insomma, oggi DH e io ci siamo trascinati all'incontro informativo della asl sulle adozioni.


Lo so, ve lo dico cosi a bruciapelo...perche' non e' che io abbia ancora realizzato la cosa, cioe' non ho ancora il coraggio nemmeno di creare chesso', una cartelletta con scritto "Ado..."(sono ancora anni luce dal farlo, non mi sento prontaaaaa). Tanto meno formulare questo nostro desiderio proibito che ormai da tempo si insinua nei nostri cuori prima che nelle nostre menti. Un sogno proibito, ancora inconfessabile.
Insomma, siamo andati, ma solo per farci un'idea eh...

Volevamo anche iscriverci al corso di formazione, ma la SS (come dice Sandra - e questo post e' per te, tu sei dentro e fuori e tutto intorno a quello che sto per scrivere, cara Sandra), insomma, i Servizi Sociali ci avevano detto che no, il corso di formazione era solo per coppie senza figli, quindi quello non lo possiamo fare. Avreste dovuto sentire la pausa di silenzio da ecatombe quando al telefono la SS, dopo avermi fatto le solite domande di rito per l'iscrizione al corso, mi dice - non mi chiede, mi dice - "Non avete figli.." e io con voce tremolante e titubante dico che cioe'-noi-in-realta'-ecco-sa-noi-si-avremmo-una-picca-ma-non-la-porteremmo-avremmo-il-massimo-di-discrezione-e-insomma-mi-scusi-tanto-io-non-volevo-ci-e-scappata-la-pma-perdono-perdono".
Pausa di silenzio. Seguita da un "Ah, allora questo corso non e' per voi".
E vabbe', non vi tedio sui perche' e i per come.
Fatto sta che un incontro informativo non si nega a nessuno, e noi ci andiamo.

Per farla breve, la SS e' identica sputata a Maria Goretti. Ora io non so esattamente che aspetto abbia Maria Goretti, pero' credo che tutte noi ne abbiamo un'immagine mentale (o forse no, ognuno ha le immagini mentali che si merita), e quindi voi immaginatevi Maria Goretti.
Io me la immagino con con le scarpe da suora, la gonna nera lunga fin soto il ginocchio, un gemellino di lana beige, un filo di perle al collo (dai, facciamo che e' una Maria Goretti d'alto borgo), e uno sguardo da Lady Diana nell'intervista in cui si discolpava di tutta la grassa baldoria che aveva fatto alle spalle di quel pover allocco di Prince Charles.
(e qui chiedo scusa a chi tra voi e' una grande fan di Maria Goretti, riconosco di non sapere di cosa sto parlando, concedetemi la licenza blogghesca, una Goretti fittizia, suvvia...)

Ecco, Maria Goretti parla come un robot. Non dice neanche cose assurde, anzi, dice cose molto sensate (quasi tutte). Pero' le dice con il tono di dun robot, senza la minima espressione facciale, tranne un leggero barlume di follia omicida che le sfavilla nell'occhio quando qualcuno del 'pubblico' fa delle domande un po' strane (indovinate chi).
Come prevedibile, si parla di genitorialita' e di pma, e lei mette in chiaro che la fase pma deve essere superata, un capitolo chiuso per la coppia, al momento dell'avvio delle procedure per l'adozione. La coppia deve in un certo senso essersi riconciliata con l'impossibilita' di procreare.
E qui le parte l'embolo e nella sua vocina tutta compunta, lo sguardo contrito, la bocca dalle labbra inesistenti, dice:

E' importante che ci sia l'ELABORAZIONE DEL RUTTO

Giuro non me lo sto inventando.
Ha detto proprio cosi.
E nessuno, ma proprio nessuno (nemmeno Sfolli) ha battuto ciglio. Eravamo tutti li a fare gli stuoini, capite, perche' lei sara' anche quella che verra' a casa di questa gente (noi per fortuna siamo in un altro distretto, ma magari capitiamo anche peggio eh) a giudicarle.
A giudicare se hanno elaborato il rutto.

Ma andiamo avanti.
La cosa che mi premeva di piu' in questa riunione era approfondire una cosa che mi aveva lasciata di mer di sasso quando avevo parlato al telefono con Maria Goretti.
E cioe' che avendo una Picca di 10 mesi, ci e' vivamente sconsigliato avviare la procedura per l'adozione.
Perche', chiederete voi?
Dopo tutto, se per adottare ci vogliono anni e anni, non sara' meglio cominciare subito, cosi non ci sono troppi anni di differenza tra Picca e l'auspicato fratello/sorella?
Dopo tutto, non e' meglio introdurre a Picca l'auspicato fratello/sorella il prima possibile, cosi che imparino ad amarsi fin da subito, cosi che possano avere una storia comune fin da subito, cosi che questo evento venga sedimentato nella sua memoria come una cosa naturale, che c'e' sempre stata (come pure il racconto di come e' stata concepita, se il paragone puo' aver senso)?

Neeeuuu, of course not.
Maria Goretti mi illumina alla riunione.
Dovete sapere che nel caso di un nucleo familiare con figli, le SS devono fare un lavoro ancora piu' approfondito, per capire se il figlio e' in grado di accettare l'ingresso in famiglia di un elemento esterno. E siccome Picca a 10 mesi non puo' dimostrare di essere a suo agio con questa scelta, che non le creera' delle turbe mentali ecco, allora e' inutile che ci proviamo.
Praticamente, dovremmo aspettare che Picca abbia...mmmh...fammi pensare...facciamo pure 18 anni, dai, per esser sicuri, allora lei potra' firmare un bel consenso informato, e allora si, che le SS saranno certe che l'adozione non ci sconvolgera' troppo in famiglia.

No, dai seriamente.
E io che avevo si messo in conto incertezze, incoerenze, assurdita', colpi bassi, fatica, sudore insomma tutto questo...ma di non poter neanche lasciare i blocchi di partenza, questo non me l'ero immaginato proprio.
E invece avrei dovuto immaginarmele, le SS che appena scoprono che Picca non solo e' nata da PMA, ma pure da PMA eterologa, stringono gli occhietti miopi e fanno no no con la testolina, dicendo che insomma, come possiamo noi pretendere che Picca si confronti e si rinconcili con la faccenda del legame genetico mancante, se in piu' le mettiamo anche un estraneo in casa?
E forse non avrebbero tutti i torti...non so, voi che ne dite?

A me lascia perplessa il fatto che una coppia per essere giudicata idonea all'adozione debba dimostrare di essere in grado di crescere un figlio educandolo alla diversita' (come sottolineato da Maria Goretti stessa).
Ma che allo stesso tempo una coppia idonea non sia ritenuta necessariamente in grado di educare un figlio gia' esistente ad accogliere la diversita'. A maggior ragione quando questa diversita' e' qualcosa con la quale la coppia ha deciso di confrontarsi apertamente nel percorso di costruzione dell'identita' di un figlio nato da eterologa.

E io che credevo che avere una Picca nata da eterologa e mostrare apertura verso il racconto di questa cosa come parte irrinunciabile della costruzione della nostra identita' di famiglia ci ponesse in qualche modo in una posizione di 'vantaggio'.
E invece no, non possiamo neanche cominciare perche' abbiamo aun figlio (nato da eterologa al quale diremo questa cosa) e forse non saremo in grado di educarlo alla diversita'.

Pensa un po'.

Magari voi mi potrete aiutare a vedere altre prospettive, a illuminarmi, a riconciliarmi.
Sul fatto che sia un percorso difficile e del quale non so nulla. E so anche che qualsiasi paragone con una genitorialita' biologica non abbia alcun senso
(e infatti io non sto dicendo che avere gia' un figlio ci rende dei migliori candidati, sto solo dicendo che penso di poter sostenere che la diversita' in casa nostra verra' affrontata eccome, adozione o non adozione).
Pero' intanto questa cosa che
"ah ora non possiamo perche' se poi Picca fra 5 anni s'incazza" mi rimane un po' sullo stomaco.(burp)

60 commenti:

Clara ha detto...

Miiii... Miiiin... Kia! Ma in che paese siamo? E io che pensavo che fosse più facile adottare se c'era già un bimbo in famiglia? Boh. Senti, io procederò all'adozione di animali non appena decideremo dove vivere! Tanti bacetti, in attesa dei bed-bugs indiani O_°

sfollicolatamente ha detto...

eh, appunto...grazie a dio o a chi per lui per le boccate d'aria fuori porta!!!

Robin ha detto...

Cosa ne dico? Che anche a me sembra una gran cavolata. mi verrebbe da dire che, come scrivi tu, se il fratellino arriva quando Picca è ancora piccola per lei sarà ancora più naturale, anche se dovesse arrivare più grande di lei e da un altro paese. Però è vero che di puericultura e psicologia infantile non capisco una cippa, quindi Maria Goretti potrebbe avere (potrebbe) le sue ragioni - però mi sta un po' antipatica lo stesso, come probabilmente mi risulterebbe indigesta qualsiasi persona che debba iombare in casa mia a giudicare la mia idoneità o meno a qualcosa di così delicato ;)
Comunque sia, vi faccio davvero i complimenti per aver pensato a un passo simile! Credo che solo delle persone speciali si avventurino nel campo dell'adozione, soprattutto avendo già un figlio biologico. Bravi!

mafalda ha detto...

Non so che dire, ho solo l'occhio che trema dal nervoso.
Ma porca t...a, l'unico requisito che dovrebbe essere richiesto a una persona per adottare è il non voler far del male alla creatura.
Stop.
Poi che sia single, gay, con o senza figli, che c...o di discorsi sono?
La peggiore delle case è meglio di una casa famiglia.

Laura ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Laura ha detto...

Ho lavorato per un po' in un consultorio familiare nel gruppo adozioni, il mio ruolo non era di ass. sociale, psicologa, ma educatrice e mi "occupavo" dei bambini già adottati.
Posso dirti che quello che ti hanno detto è una linea comune..
Una famiglia con dei figli è effettivamente svantaggiata nel percorso adozione, non per pregiudizi ma per un po' di motivi tra cui quelli che ti hanno detto.
Intanto è fondamentale che Picca abbia qualche anno di differenza da loro, che sia la sorella maggiore, d'altronde lei è arrivata prima. Ha solo 10 mesi, so che le tempistiche sono lunghe ma non ragionano in questi termini, perché può capitare anche che in un anno e mezzo riesci ad adottare, e fattore fondamentale, adottare un bambino che poi effettivamente sia più piccolo di picca non è così facile se partite adesso!

Il fatto che Picca sia nata da eterologa e tu ne parli liberamente non può che farti onore, è la cosa migliore, ma in effetti è una cosa da affrontare con lei giorno dopo giorno, aggiunta all'affrontare l'adozione sia per picca che per bimboadottato non è poco. In più c'è da ricordarsi che di solito ci sono più famiglie disponibili ad adottare rispetto ai bambini adottabili nel mondo. Le immagini di tanti bambini che passano in tv ingannano perché anche se sono in qualche istituto non significa che siano adottabili, può essere anzi che i genitori si siano allontanati per lavoro, o che ci siano comunque parenti in vita che potrebbero occuparsene.

Riguardo alla risposta di Mafalda sono veramente scioccata. "l'unico requisito che dovrebbe essere richiesto a una persona per adottare è il non voler far del male alla creatura. " Ma stiamo scherzando?
I requisiti devono esserci, e pure tanti, dato che sradichi un bambino che soffre di certo non lo metti solo con chi "non vuole fargli del male", ma con chi è disposto ad aprire la sua casa il suo cuore il suo tempo il suo impegno a questa relazione.
Non so che case famiglia hai visto tu, ma io ho visto alcune "peggiori case/famiglie" e la casa famiglia è decisamente meglio.

Comunque ripeto: i bambini adottabili sono molti meno delle famiglie disponibili, e la famiglia con figli è "svantaggiata" perché credo si tenda a scegliere una famiglia che può donargli attenzioni esclusive..

Altro dato che riporto sempre grazie al lavoro svolto: nei casi di seconda adozione c'è una destabilizzazione tale in famiglia che tante persone che l'hanno fatto, seppur sia stato sconsigliato dalla psicologa per varie implicazioni, sono tornati "pentiti" perché tutte le situazioni paventate dalle esperte si sono poi verificate, e il clima di serenità della famiglia si è rovinato..

Con questo non voglio dire: sfolli non adottare, ma prenditi il tempo, e seppur con alcune remore, abbi fiducia negli esperti che ti stanno di fronte, ne hanno viste tante, saranno come Maria Goretti, ma qualcosa dall'esperienza avranno imparato, no?

mafalda ha detto...

@Laura, scioccata, addirittura? :)
La mia evidentemente era un'affermazione iperbolica, ma credo che vengano messi troppi, troppi, troppi paletti tra bimbi che avrebbero solo bisogno di una famiglia accogliente e amorosa e persone che non aspettano altro.

Vedo invece "esperti" che dicono a chi vuole adottare "ah ma non ha fatto un percorso di PMA? Allora non può adottare".

L'adozione in Italia è ancora solo il piano B, il fatto che venga scelta non viene neanche preso in considerazione.

PItipum pala ha detto...

Io questa Maria Goretti qi me la immagino così http://gallery.giovani.it/profilo/mindolina_1202949.html
Se stai dietro ai discorsi segamentalistici delle SS non ne esci viva.... fanno dei ragionamenti tutti loro, parlano un altro alfabeto, ma soprattutto CONTRADDIZIONE & ASSURDITA' sono le loro parole d'ordine! Se fossi stata una fervente integralista cattolica, ammanicata col Vaticano, allora sì che avrebbero chiuso entrambi gli occhi, anzi, pure orecchinasobocca! Chiedo venia se hai qualche lettrice adepta delle SS, ma io mi son fatta un'idea tutta mia su questo tipo di persone (e quest'idea non mi piace neanche un pò e mi fa incazzare parecchio). Per il resto, hai tutta a mia solidarietà! :***
PS Faje vedè come hai elaborato il RUTTO!!! XD

la tina ha detto...

Sfolli, intanto posso dirti che vorrei abbracciarti una volta di più? Non solo per te, non solo per picca, ma anche per questa vostra scelta dell'adozione (cosa a cui sono molto legata, per me una scelta coraggiosa e bellissima e intensa).
Comunque, se affettivamente sarei d'accordo con te nel dire più piccola è picca meglio è, dall'altra parte forse è vero che lei deve restare soralla maggiore (effettivamente lo shock di un bimbo "naturale" nel trovarsi davanti un fratello maggiore adottivo è forte, io ho avuto un'esperienza analoga con un bambino affidato ai miei genitori quando ero molto piccola, io avevo 4 anni e lui... 12, credo. E' stato MOLTO difficile) e per farla restare la maggiore qualche anno deve passare.
Per me l'importante è che voi teniate nel cuore questa convinzione e questo desiderio, e facendovi aiutare (eventualmente se la Maria Goretti è un po' freddina anche da qualcun altro...) conserviate la volontà di portare avanti questa esperienza.
Ancora abbracci, love.

Sandra c'era una volta Ilaria ha detto...

Grazie sfolli, guarda io non ho + la forza di incazzarmi. Lunedi sera ho saputo che una coppia di amici che erano con noi al corso asl li han tenuti in ballo 26 mesi!!! per non dargli l'idoneità. Legalmente la differenza tra il primo figlio e l'adottato deve essere di 2 anni, ma legalmente il percorso di indagine dovrebbe concludersi in 4 mesi! Capirai che non ci siamo che ogni ASL fa quel che vuole tant'è che al nostro corso c'era una coppia con un bambino sui 3 anni, dopo che han fatto il corso, avevano già presentato la domanda e...gliel'han fatta ritirare perchè il bimbo non era pronto.
Di getto Sfolli io ti dico LASCIA STARE non ci pensare proprio, goditi Picca fate un altra eterologa, pure con ovodonazione se è il caso, ma non ti imbarcare, col vostro passato vi faranno a pezzi. Ti abbraccio.

Sandra c'era una volta Ilaria ha detto...

@ LAURA che mi dici "i bambini adottabili sono meno delle coppie disponibili!" MA COSA DICI?
In Italia sulla nazionale certo, ma non con adozione internazionale!!
@ SFOLLI Grazie ancora di questo post ma io qui non ci torno + non posso permettermi di leggere cose che smuovono quanto desidero lasciare sul fondo del pentolone, non per te, ma per chi potrebbe arrivare. Ti voglio tanto bene lo sai!!

Laura ha detto...

@Sandra : questo NON ME LO SONO INVENTATO, pensa a quante coppie disponibili ci sono nel MONDO, queste informazioni vengono direttamente dagli enti, altrimenti perché il periodo di "attesa" dura così tanti anni?? Ovvio che quella Italiana dura spesso (ma non sempre) di più! anche perché è un paese diverso da quelli del terzo mondo.

@ Mafalda: ok ti avevo presa seriamente :) concordo con te che spesso ci sono tantissimi paletti e inutili perdite di tempo, ho letto anche la storia di Sandra e mi pareva ufo come l'hanno trattata. Dove ho lavorato io non funzionava così male! C'erano, anzi, ci sono, persone più professionali! Le coppie a cui veniva data la non idoneità erano pochissime, e non perché loro davano un buon parere su tutte, ma perché nel momento in cui c'erano quelle "problematiche" (ad es. un uomo che insultava le psicologhe o le urlava dietro, durante i famosi colloqui) venivano fatte ragionare sulle cose che assolutamente non andavano (e per cui potenzialmente avrebbero preso la non idoneità), gli veniva data la possibilità di lavorarci sopra (percorso di coppia, psicoterapia..anche x elaborare i lutti per i figli persi..) e poi potevano tornare e rifare l'iter, gli veniva data una possibilità in più!

OTTIMALE sarebbe secondo me, che una volta CAMBIATA LA MENTALITA' si potrebbe passare al sistema degli Stati Uniti, come insegna Marica! :))

Anonimo ha detto...

ma perche' non siamo mai un paese civile? Ripenso all'umanita' di tutta la storia di Marica, al rispetto, alla volonta', alla collaborazione che ci ha raccontato nel suo blog. Mi sale la rabbia. La sfiducia, la tristezza. L'Italia, che paese inutile.

valescrive

Anonimo ha detto...

@LAURA: l'italia dovrebbe confrontarsi con i paesi civili. I requisiti ci devono essere, certo, ma non devono creare problemi, ritardi, frustrazione. Siamo un paese vecchio e bigotto, ce ne dobbiamo rendere conto. Dopo 10 anni in California, in cui ancora vivo, leggo le tue motivazioni e penso a quello che invece vedo qui e mi viene la tristezza per il sistema Italia. Anche qui ci sono i requisiti e i controlli ma se hai un figlio di 10 mesi e vuoi adottarne uno lo fai, se sei gay e vuoi adottare lo fai e via dicendo. E ti diro', funziona proprio bene. Guardiamoci intorno.
valescrive

sfollicolatamente ha detto...

Sandra oddio non volevo farti riaprire una ferita cacchio penso proprio che questo sara' il primo e ultimo post sull'adozione che faro'!!
Anche perche' mi sa che hai proprio ragione, questa cosa dell'eterologa piu' che di aiuto ci creera' dei problemi enormi con le SS, hai ragione, questi ci fanno a pezzi :-(
Infatti l'eterologa con seme e ovodonazione l'ho presa in considerazione da tanto, ma l'adozione sarebbe la cosa che in questo momento desidereremmo fare piu' di tutto...
MA prima di abbandonare l'idea voglio capire bene:
- secondo loro a che eta' un bambino puo' essere pronto (a 3 anni no? allora a 5 che cambia? mah)
- secondo loro quali implicazioni puo' avere questa cosa dell'eterologa, e perche' per loro sarebbe un problema (puo' essere che lo sia eh, io vorrei veramente saperlo e sono aperta ad essere convinta da loro!)
- secondo loro perche' Picca deve essere la sorella maggiore. Su questo magari Tina tesoro mi puoi aiutare??

Su quello che dice Laura, mi fa piacere sentire che in alcune realta' c'e' chi lavora bene e con coscienza, e voglio crederci.
Purtroppo pure a me hanno detto questa cosa che i bimbi in stato di adottabilita' sonoo meno delal meta' delle famiglie disponibili ad adottare. Almeno, questo e' quello che dicono le SS (Laura perdona il nomignolo, e' una generalizzazione). E credo che il motivo sia che per raggiungere lo stato di adottabilita', un bambino deve esser passato per lunghi processi e tentativi di recupero delal famiglia biologica...fino al quarto gtado di parentela si fa di tutto perche' il bambino possa rimanere in famiglia.
Da qui l'enorme numero di bambini che hanno bisogno di affido, e l'esiguo numero di bambini effettivamente adottabili.
L'altro dato scoraggiante e' che questo sovrannumero di coppie disponibili ad adottare va a creare un collo di bottiglia, con liste d'attesa sempre piu lunghe.
Davvero sconfortante :-((

Che poi, l'affido, ok, io non lo escludo, e vorrei avere un colloqui privato con una SS anche per discutere di questo, per capire se puo' essere una cosa fattibile.
Purtroppo pero' parto gia' un po' prevenuta, perche' immagino che tutti questi problemi di Picca che s'incazza coll'arrivo del bambino adottato saranno improvvisamente superabili se io dico che vogliamo dare la disponibilita' per l'affido. Perche'? Perche' loro sono ala ricerca disperata di gente disposta all'affido, mentre con l'adozione non hanno che da trovare un miserrimo motivo per dire no, e loro lo usano.
O sbaglio?
Che invece, non sara' il contrario, che un affido con il vai e vieni che comporta mi sconvolge di piu la Picca che un'adozione, soprattutto se in tenera eta'?

Mi sta venendo una sincope alla mano, oddio fermatemiiiiiiiiiiiiii


sfollicolatamente ha detto...

PS non c'entra niente, ma volevo fare una comunicazione di servizio: andate un po' a vedere che succede da Nina :-)))))
Io ve lo dico, in questi giorni se non mi viene un cardiopalma non mi viene piu....

sfollicolatamente ha detto...

Emme, ommioddio che ridere la clip uauauauauuaaa! Gli occhi erano gli stessi identici identicissimi...
Ragazze siete splendide

sfollicolatamente ha detto...

Valeria, in effetti certe volte penso con nostalgia all'UK....

ah volevo dire Sandra, se non passi di qui o se passi ma non vuoi far seguito a questa conversazione capisco e ti stringo forte (cioe' ti stingo forte comunque, anche se passi eh :-))

SuSter ha detto...

Cara Sfolli, che dire? Vi ammiro tantissimo per aver avuto il coraggio-forza di prender e questa decisione e di intraprendere questo lungo (e faticoso) percorso, perchè la volontà di elargire amore e di condividere la ricchezza emotiva che evidentemente avete a disposizione nella vostra famiglia va al dilà anche della gioia che l'arrivo di gaia vi ha portato.
Ho letto il piccolo dibattito di commenti sopra e non so davvero in che maniera intervenire, anche se è vero che d'istinto mi metto dalla tua parte e dico: "Che cazzo! Invece di essere disponibili e di apprezzare la disponibilità e l'apertura all'altro dimostrato da una coppia che già ha la fortuna di avere avuto un figlio proprio, li si giudica e si impedisce loro anche solo di provare a intraprendere un percorso di conoscenza e avvicinamento al problema?"
però leggo quanto scrive Laura, che dice di avere fiducia negli "addetti ai lavori", che l'esperienza sul campo magari fa veder loro più chiare le problematiche che ogni situazione nella sua diversità e unicità porta con sè. Solo un consiglio: se siete decisi a voler continuare su questa strada cercate di non sentire come un attacco personale ogni obiezione che vi verrà rivolta circa le vostre precedenti scelte e la vostra presunta idoneità alla genitorialità acquisita. Avete deciso di tentare questa strada? Allora con tutte le vostre energie e la buona volontà assecondate l'iter che vi propongono, prendendo in considerazione il fatto che potreste anche non riuscire. Che deve essere anche quello un grande lutto da elaborare poi.
POi io sono molto ignorante in materia, ma in teoria, DH essendo cittadino inglese, non potreste per esempio tentare l'adozione in UK, sempre che lassù l'iter e le istituzioni preposte creino meno problemi di quanto lo creino qui in Italia (Paese in cui risaputamente sono piuttosto difficile le adozioni?)

Laura ha detto...

@vale
Come hai letto anche io sono per il sistema degli USA, i passi per cambiare questi meccanismi lunghi e frustranti sembrano mastodontici qui in Italia, ma io resto con la speranza che la mentalità cambierà e ci saranno meccanismi nuovi come da voi, me lo auguro con tutto il cuore, perché come dice @mafalda, ora la mentalità porta a ritenere l'adozione come l'ultima spiaggia, dopo anni di tentativi e sofferenze, certo aumentarli con l'iter lungo stressante, frustrante non aiuta le persone, no davvero!!

@sfolli: tranqui per il termine SS, ci può stare per quelle esperte per modo di dire che non tengono affatto conto che davanti hanno una PERSONA e non un numero o altro!

scusate se ho creato tanto trambusto ;)

Jenisha ha detto...

ahahha perdonatemi anche se il post sa di serio io al rutto non riesco a fermarmi di ridere..vado avanti a leggere..ahah

Jenisha ha detto...

..ecco adesso ho smesso di ridere:-) SS era ai miei tempi un mondo cupo e freddo, vivendolo dall'altra parte della barricata.. Usano termini strani e dialettica da robot programmati, mia nonna li ha prese a bastonate quando ci portarono via..La diversità..vedi piccola mia anche se era di donatore e' sempre nostra figlia, non ci trovo nulla di diverso amare ed integrarsi..mi piace anche questa cosa che la piccola è bionda ed io sono mora scura..ed anche se e' viola L'amo ..anche noi pensavamo all'adozione, ma mi ero informata per adottare in Russia, li basta pagar un po'di dollari è facile aver tutti i documenti veloci..e solo che in Italia, non esiste l'interesse del bambino, dei futuri genitori, ma è un mangia mangia generale:-) perdonatemi la schiettezza.. Notte a voi tre..

sfollicolatamente ha detto...

Cavoli Jenisha, a bastonate?! Povera la tua nonnina, quanto doveva essere disperata :-((

Sus, si infatti sto cercando proprio di fare cosi, di capire il loro punto di vista, che di sicuro hanno piu esperienza di me in queste cose e mi possono aiutare a scendere dalla nuvoletta...
In UK mah, mi ero informata un po', e li pare che sia un po' piu' facile, ma non tanto.
Pero', per sentito dire pare che il bambino sia incoraggiato a tenere i contatti con la famiglia di origine (ma questo e' passaparola eh), mentre qui ho chiesto e mi han detto che assolutamente no perche' spesso vengono da realta' violente, quindi almeno quello qui ha un certo senso...
Fatto sta che la cosa fondamentale e' che per adottare con le leggi dell'UK bisogna essere residenti in UK, quindi nada...

Buonanotte donnine belle

Jenisha ha detto...

Si si ci teneva lei, la ritenevano povera solo perché ci sfamava con pesce e latte..ma credimi anche senza scarpe non ci faceva mancar nulla dormivamo tutte assieme..Valentina assomiglia a mia sorella Giusi da piccola..li prese a bastonate anche con una gamba che non andava zoppicando.. andò in tribunale con il suo piccolo onore ..e uno scialle siciliano..e fece la guerra li per giorni..gli diedero solo mia sorella Giusi indietro..era la più grande.Io avevo neanche sei anni, mia sorella Giusi sette e mia sorella Dony quattro..la prima cosa che fecero ci tagliarono a corti corti i capelli lounghi che avevamo in un parrucchiere da uomini..:-)E' passato tanto tempo..fai cosa ti dice il cuore sempre:-)

Jenisha ha detto...

Notte.

mariantonietta ha detto...

burp davvero!
mi viene in mente chi ha adottato all'estero e si chiedeva se dichiarare la cosa in italia. beh, spero non l'abbia fatto, qui sono buoni solo a metterti i bastoni tra le ruote.
e poi lo immagino l'atteggiamento, quella superiorità di chi ti sbatte in faccia di avere la tua vita e la tua felicità nel pugno di una mano. :(

Claire ha detto...

L'elaborazione del rutto è fantastica..mi hai fatto scompisciare dalle risate. Per quanto riguarda il resto, non me ne vogliano le addette ai lavori ma la penso come te. Secondo me non sarebbe un male adottare un bimbo quando Picca è ancora piccola.In seguito per lei sarebbe come se il fratellino o sorellina ci fosse sempre stato e sarebbero vicini d'età. Io sono arrivata quando in famiglia c'era già la mia sorella "adottiva". Per me mia sorella è mia sorella e basta, c'è sempre stata nella mia vita. Ok, io ero la figlia minore, forse per me è stato più "semplice", per mia sorella è stato più difficile dover condividere l'affetto dei miei genitori con la nuova arrivata. Ma adesso io non posso pensare la mia vita senza di lei nè lei senza di me. E' stupendo avere un fratello o una sorella e su questo dovrebbero concentrarsi gli assistenti sociali. Non vedo perchè una famiglia che ha già un figlio debba partire svantaggiata nel processo adottivo. L'importante è che quella famiglia sia in grado di accogliere un altro bimbo. Ma temo che i pregiudizi in materia prevarranno. Se siete decisi ad andare avanti dovrete essere pronti ad affrontare molte difficoltà.

Alessandra ha detto...

Cara Sfolly che dire l'argomento mi coinvolge un bel pò e quindi...il nostro piccolo chinaTop ha 17mesi,è con noi da 4mesi e stiamo ripresentando domanda per una seconda adozione, avevamo un decreto del Trib. per due minori siamo stati mandati in un paese in cui ne danno solo uno alla volta dovrebbe essere una colpa questa? Se è possibile adottare due tre o più figli tutti in una volta perchè non dovrebbe essere possibile farlo in più volte non lo capisco con noi in Cina a luglio c'erano due coppie che avevano già un figlio prima di partire una biologico ed una adottivo e non mi risulta abbiano avuto poi tanti problemi...certo l'età di Picca è uno scoglio come lo sarà per noi quella del nostro topolino perchè di bimbi così piccoli ce n'è davvero pochi e giusto per chiarire è la legge in Italia che prevede che il secondogenito sia più piccolo del primogenito in una famiglia (che sia esso naturale o adottivo) così come sarebbe secondo natura.
Riguardo ai percorsi con il tribunale e i SS per arrivare all'idoneità posso solo dire che sarebbero giusti in via di principio ma nella realtà ci sono cose ridicole tipo la richiesta di esami su malattie genetiche che non potrebbero ovviamente essere trasmesse all'adottato e certificate di morte del nonno passato a miglio vita 20 anni fa che scade ogni tre mesi....ma fatemi il piacere!
Quindi rimboccati le maniche e tinti stretta il fegato ma percorri la strada del tuo cuore...ogni volta che guardo mio figlio negli occhi penso a cosa avrei perduto se in questi - 8 ANNI DI ATTESA - mi fossi lasciata sconfiggere!!!
Un abbraccio grande e buona fortuna

paola ha detto...

Sfolli cara mamma ado in procinto di avere spero presto l'abbinamento a rapporto...come ti ha detto Ale prima di me...segui il tuo cuore....preparati ad un percorso di guerra...dove verrete ribaltati messi alla prova esauriti e spaventati...ma se dentro al vostro cuore c'è quel semino....fallo germogliare...datti ancora un po di mesi per la piccola Picci...e poi....partite...con il cuore in mano con il desiderio che avete..e dico a Laura che non è così....mi dispisce contraddirti ma i bimbi da adottare sono tantissimi spratutto nell'internazionale....ci sono molte coppie invece che hanno molti paletti....e questo impedisce a moltissimi bimbi di essere adottati...non è così semplice non si possono raccontate in poche frasi.....io ti dico solo che se ve la sentite se c'è un bimbo dentro il cuore che sentite desiderate arrivare per questo cammino...mettetevi in marcia..zaino in spalla robuste scarpe e via....vi abbraccio strettissimi e taaanti baci Paola

ero Lucy ha detto...

In effetti il mio primo dubbio e' stato Ma come, anche in UK e' cosi' difficile?? Poi ho pensato alla residenza e ho letto il tuo commento piu' sotto.
Guarda Sfolli, non ho parole davvero. Perche' se da una parte, parlando da psicologa, certe remore sono condivisibili, allora dovremmo farcene per tante, tante, tante altre situazioni. Penso ad esempio alla mia amica che ha ottenuto un'adozione nazionale dopo anni di fallimenti anche in pma, e' arrivato questo bimbo che e' stata la sua gioia piu' immensa e poi dopo boh, facciamo sei mesi dall'arrivo del piccolo si e' scoperta incinta ed e' riuscita a portare avanti la gravidanza mummificandosi a letto, come dice Annina :) Un piccolo miracolo. Ma in quel caso nessuno pero' ha pensato al turbamento del fratello, che in effetti aveva forse nemmeno due anni quando poi la bimba e' nata, esattamente come potrebbe accadere a Picca. Penso sempre che ci fasciamo troppo la testa, e tutte queste remore sono solo pippe mentali.
Prevenire d'accordo, ha ragione Laura, ma a volte guardiamo davvero troppo oltre.

Laura ha detto...

Oh my God, credevo fosse chiaro che quello che ho scritto era per far capire alcuni passaggi, e alcune motivazioni delle risposte che hanno dato le SS a sfolli..
Il lato umano ce l'ho pure io eh :)

@paola: riguardo al numero di bambini adottabili e coppie disponibili..che te devo dì, ci avranno detto un mare di balle!!
dal mio punto di vista non mi pare impossibile crederci: nei paesi musulmani NON si adotta punto e stop, negli altri paesi ci sono bambini orfani ma fino a un certo grado di parentela stanno coi parenti, devono avere la famiglia decimata per essere adottabili.. in alcuni paesi devono aver diagnosticata una problematica (anche per finta) per essere adottati da una coppia estera, in più ci sono milioni di coppie disponibili in tutto il mondo...
Ma certamente è più probabile che quello che mi abbiano detto è una enorme bugia!

Clara V ha detto...

Che bravi che siete, Sfolli! Anche io avrei il sogno nel cassetto dell'adozione, ma dopo tutto quello che ho letto sinceramente non me la sento di imbarcarmi per questa guerra. Ed è un grosso peccato che la facciano diventare tale. Una cosa non capisco: avete parlato del collo di bottiglia tra bimbi adottabili e famiglie disponibili, ma questo è vero anche quando si parla di ado internazionale? Mi sembra davvero inverosimile. Ovviamente con l'internazionale ci sono mille altre questioni, tipo malattie, burocrazie, guerre (quelle vere) e varie ed eventuali. Peró mi sembra impossibile che anche nei paesi in difficoltà ci siano pochi bambini realmente adottabili.

raffaella ha detto...

Anche io avevo pensato di avvicinarmi all'adozione dopo la nascita di Daniele. Ma non ho la forza per combattere. Io dico solo a Laura e a tutti gli operatori del settore che noi dovremmo anche elaborare il rutto per la mancata genitorialità, ma loro dovrebbero davvero rendersi conto di quanto danno possono fare. Ai bambini in attesa dentro le case famiglia, alle persone, alla cultura. Ho lavorato per cinque anni a stretto contatto con Assistenti sociali, educatori e Giudici del settore. Conosco le case famiglia e tutte le c.....e che sciorinano gli SS di cui salvo una parte minima, ma davvero minima. Molte di queste persone, ovviamente non tutte, gestiscono il proprio lavoro con la presunzione tipica di chi ha il potere di plasmare il futuro della gente. Credono di sapere cosa è meglio per i ragazzini, per le famiglie di origine o per quelle adottive. Ma, dubito fortemente che lo sappiano. Abbraccio pienamente l'idea dei paletti, sensati, dei controlli sensati, degli abbinamenti sensati. Ma che la decisione di un giudice sull'adottabilità di un bambino o di una famiglia venga presa sulla base di una relazione di una/o che rutta l'elaborazione di qualcosa, mi indigna e mi stringe il cuore.
Raffaella

verdeacqua ha detto...

grazie per questo post... Il mondo dell'adozione da sempre mi attrae e spaventa allo stesso tempo. Sono mamma di un bimbo di tre anni arrivato per magia visto che non avrei in teoria potuto avere figli... All'adozione pensavamo prima e pensiamo tutt'ora visto che ci piacerebbe molto un altro figlio. Sono fermamente convinta che un figlio non debba per forza nascere da te ma che sia sempre dentro di te, che ci voglia del tempo per imparare ad amarlo totalmente anche se l'hai partorito tu e che l'importante è sempre e solo il come lo crescerai e lo amerai. Detto questo il tuo post mi scoraggia molto. Non abbiamo ancora i 3 anni di matrimonio necessari per intraprendere questo percorso e non so perchè ma ingenuamente pensavo che l'essere già genitori permettesse di avere un trattamento più "semplice", un percorso meno in salita...
Non mollare però. Se pensi che possa essere il tuo futuro, il vostro futuro, non mollare. Perchè non basta un incontro per sentenziare, solo tu sai cosa sarebbe meglio e solo tu conosci tua figlia e quello che potrete fare insieme. Sicuramente è ancora presto ma non desistere. un abbraccio

Alessandra ha detto...

Giusto per aggiungere un altro pò di carne al fuoco e rendere questo bbq ancora più piccantino una "curiosità" il Lui di una coppia con cui abbiamo fatto parte del percorso ado, con già due figli bio a bordo ed un cinesino ultimo arrivato davvero speciale, ci ha raccontato di aver scoperto( è assessore nel suo comune) che nel suddetto comune che oserei definire piccino ci sono al momento 20 bambini in istituti sparsi per l'Italia che costano allo stato udite udite 600.000,00 euro l'anno quando sempre nel suddetto comune ci sono circa 1000 coppie con decreto di idoneità già in mano che devono aspettare...cosa non si sa, azzardo forse che vari soggetti finiscano di spartirsi i 600.000,00 euro l'anno???

Quanto all'altro punto sollevato da più voci...secondo le stime dell'Unicef al momento ci sarebbero 168 M I L I O N I di bambini in attesa di adozione sparpagliati su questo nostro strano pianeta e pare che il numero cresca di circa 5 milioni l'anno, quindi mi sa mi sa che di bimbi da adottare ce ne sono eccome...poi la era questio è di che bimbi si tratta, ma questo è un discorso troppo lungo per un commento!

Cinzia ha detto...

Purtroppo no ho i tempo materiale ora di leggere tutti i commenti, ho letto solo il dibattito iniziale.
Mi ripeterò certo, ma di sistemi che funzionano a livello di adozione ce ne sono. Guardiamo a quelli, mediamo e ne tiriamo fuori qualcosa di utile per tutti. Sicuramente ci devono essere le prerogative, le indagini, ma non può essere un percorso ad ostacoli.

Una cosa mi preme sottolineare: l'umanità, e la disponibilità verso chi ha il coraggio di intraprendere un percorso simile. Ecco per me quello manca nella maggior parte dei casi.

sfollicolatamente ha detto...

Eccomi!


Mi interessa molto questo dibattito, grazie per i vostri pensieri e per il vostro sostegno!!
'Fortunatamente' sono in un periodo in cui come coppia siamo un po' incasinati, quindi per ora non penso concretamente a partire subito con l'adozione, per cui anche se questa cosa dei paletti delle SS mi fa rabbia, per me non rappresenta ora come ora un ostacolo immediato...intanto pero' voglio davvero capire di piu' di questo mondo!!

Penso che il numero di bambini adottabili sia un concetto molto vago, perche' in alcuni Paesi il tutto e' regolamentato, e li si contano e magari sono pochi, ma in altri Paesi non lo e', e c'e' tutta una realta' sommersa e insondabile che dove l'adozione dovrebbe invece arrivare!!

Claire, che bello sentire che tra sorelle ci si puo' amare cosi tanto, pensa che io sono figlia unica perche' i miei genitori hanno brutti rapporti con i rispettivi fratelli e sorelle, e son convinti che sia meglòio esser figli unici, ossignur....

Si, Cinzia, hai ragione, l'umanita'.
E si, Lucy son d'accordo, troppe pare troppi paletti, una via di mezzo no eh??
Grazie di essere passate, a tutte!

Grazie in particolare ad Ale e a Paola (congratulazioni!!!) per aver essere passate!!
Ale, sono ancora qui con la mascella penzoloni a sentire dei certificati assurdi che ti chiedono O_o

sfollicolatamente ha detto...

Verdeacqua, benvenuta cara!
Sono d'accordo con tutto quello che dici sul concetto di genitorialita'...spero che questo post non ti abbia scoraggiata O_o

paola ha detto...

Eccomi ancora a dire una piccola cosa a Laura ...il Pakistan è un paese mussulmano...e PUOI ADOTTARE...mi sa che vi hanno raccontato un po di balle e belle grosse =^___________^= essendoci DENTRO ne su forse un po di più un abbraccio grandee..baci Sfolli....(Ancora non sono "incinta"...ma stiamo aspettando trepidantiiii =^________^=)

sfollicolatamente ha detto...

Cacchio che peccato che ci siano tutti questi intrallazzi e mezze verita' in questo ambiente, anche la cosa dei soldi mi manda parecchio in bestia...povera Laura, non ti volevamo far scappare neh ;-) Speriamo che le realta' 'sane' resistano e crescano sempre piu' numerose, nononstante il marcio...
Paola sono contentissima !!evviva evviva!! posso solo immaginare la vostra trepidazione, a me sarebbe gia' venuto un colpo appena avuta la notizia :-)))

paola ha detto...

ahh a chi lo dici cara...noi sappiamo che il paese L'ECUADOR è il nostro sta ricominciando dopo un anno di fermo a fare abbinamenti e siamo in 5 del mio ente ad aspettarlo...vediamo a chi tocca per primo...l'importante è che si muovanooo e che non sti blocchi di nuovo..in sto benedetto cammino è tutto complicato e difficile...ci vuole TANTA PAZIENZA e sopratutto tante informazioni giuste...quelle te le può dare SOLO il tuo ENTE...una volta che ci sei dentro...come vedi Laura e mi dispiace spero non sia fuggita per colpa mia non è al corrente di tante cose...ma questo succede alla maggior parte di persone che non VIVONO L'ADOZIONE..solo se ci sei pienamente dentro sai come succede cosa succede realmente.....altrimenti è tutto un circolo di voci quasi sempre inesatte..diciamo che è un mondo tutto da scoprire e che di castronerie ne girano parecchie purtroppo....i soldi ci sono la burocrazia ti uccide..la rabbia spesso e volentieri ti prende la gola...ma poi..una volta che ci sei..che sei in marcia...tutto scorre....e l'obbiettivo finale è solo il tuo pezzo di cuore che ti aspetta da qualche parte...devi solo aver tantissima pazienza...e desiderarlo fortemente per non farti abbattere e scoraggiare da tutti i problemi che durante il cammnino si trovano.....piccoli o grandi che siano difficilmente è un cammino in discesa...e forse per il dono che abbiamo...per questo figlio così prezioso che ci viene donato con un bagaglio di vita gia pesante e dura....questo fortificarsi nell'attesa è una Panacea....=^_______________^=

Laura ha detto...

:) non sono scappata anzi seguivo tutti i vari aggiornamenti..
tralasciando che sono molto pentita di essermi esposta perché mi sembra quasi di avere un bersaglio sulla schiena avendo avuto la (s)fortuna di lavorare con queste odiate SS..

Volevo solo dire che sicuramente avendoci lavorato per un certo (piccolo) periodo mi ha permesso di carpire certe informazioni, cosa che ho voluto mettere a disposizione di sfolli dato il post in cui chiedeva "potrete aiutarmi a vedere altre prospettive, a illuminarmi, a RICONCILIARMI". Che poi colpa mia che ho messo informazioni in più che hanno scatenato tutta questa discussione, il mio intento era spiegare quel che so affinché si tenessero in considerazione tutti i vari fattori e giocata con furbizia, anche il pensiero che hanno in testa gli ass.soc e psicologi durante i colloqui vari.....insomma ..se sfolli poi con DH decide di intraprendere questo percorso che sappia a cosa va incontro no?????

@paola
Del Pakistan non lo sapevo, mi sarà sfuggito che ci sono delle eccezioni? ma è l'unico paese musulmano che permette l'adozione internazionale?

Marica ha detto...

arrivo in stra-ritardo!
scusatemi, pant pant pant :-)

beh, come prima cosa ringrazio chi mi ha citata tra i commenti come modello di adozione, cioe' il merito non e' mio, ma almeno ho fatto conoscere un "modo diverso" di procedere.

sfolli, che dire.. appena ho iniziato a leggere ero contentissima di questa vostra decisione! e anche io la penso come te, cioe' visto che ci vogliono n anni meglio iniziare subito, no?
ma mai avrei pensato che vi avessero bloccato cosi' in partenza!
ma che vuol dire che Picca deve dimostrare che l'arrivo del fratellino adottato non la turberebbe????
e che le altre coppie che fanno i figli in modo "semplice e veloce" chiedono l'autorizzazione agli altri figli? a me sembra ovvio che ogni bambino sarebbe contento di avere uno o piu' fratelli/sorelle (a parte ammazzarsi di botte per delle cavolate quando si e' piccoli, ma fa parte del gioco).
mi sembra veramente assurdo come criterio... ma dopo la storia di Sandra non so proprio che aspettarmi!

mi sento fortunata a stare qui, ecco!

paola ha detto...

Eccomi Laura ciao a risponderti...guarda posso dirti in prima persona che molti assistenti sociali neppure sanno compilare una relazione perfetta per la coppia che va ad adottare spesso ignorano che la relazione è il biglietto da visita della coppia e fanno dei grandissimi danni..il mio è stato un caso simile e costringono le coppie a fare i salti mortali per adottare un bimbo.....per questo dico che solo chi è dentro l'adozione chi la vive può dare informazioni corrette...scusa se mi sono intromessa nella tua discussione con Sfolli ma le informazioni che le hai dato non erano corrette e dovevo intervenire ognuno è liberissimo di dire la sua ma essendo un cammino particolare l'adozione ci vogliono le indicazioni giuste...anche da tribunbale a tribunale cambiano notevolmente le procedure...quindi SOLO lei al momento della sua decisione saprà cosa fare e come procedere tenendo ben a mente che si è un cammino impervio...ma non difficilissimo....ci sono coppie che VOLANO dai loro figli...altre che rimangono impantanate nella burocrazia in leggi assurde in cambio di governo....chi lo può dire...è personale...di sicuro ti si apre un mondo tutto nuovo....emozioni incredibili e ti scopri inevitabilmente più consapevole di quello che stai facendo...un figlio adottato porta gia con se un bagaglio di sofferenza grande...anche se non ha per fortuna subito abusi o maltrattamenti..ha dentro la ferita dell'abbandono che non guarirà mai..potrà solo essere lenita.....per quel che riguarda le adozioni per i paesi mussulani c'è solo il Pakistan senza problemi...per il Marocco è possibile ma ci sono delle leggi apposta la Kafala...mi pare si chiami così e solo un ente in italia che sappia io fa adozioni li...o almeno che faceva....=^_____________^= un abbraccio grande a te ....e a Sfolli

sfollicolatamente ha detto...

Siete dolcissime, grazie tantissimo perche' continuate a passare di qui (ciao Marica!!) ed e' chiaro che questo e' un dialogo e non una lite e che vi sta a cuore condividere delle informazioni che mi sono preziossisime in questa decisione, grazie di cuore!

A proposito di Paesi musulmani, ora svelo un baratro di ignoranza da aprte mia ma...la Tunisia e' uno di quelli?? Oddio lanciaremi le pietre....Ve lo chiedo perche' alla riunione c'era una coppia tunisina che voleva adottare dalla Tunisia e sembrava che fosse possibile?

paola ha detto...

Uh si spero che sia chiaro che è solo per dare informazioni eh? visto che la vivo la situazione..=^____________^= lungi da me essere petulante o antipatica eh? semmai fatemelo presenteee che mi zittisco subitoooo............ma che lancio di pietre e pietreee eh eh eh noi sai io che castronerie dico spesso e volentieri....Si la Tunisia è un paese mussulmano ma ci sono degli accordi con la Cai e fa adottare a coppie mussulmane..è solo un problema di Religione...è per questo che non danno l'adozione alle coppie cattoliche o di altra religione....se una coppia è gia mussulmana penso che non si siano problemi...l'ente che fa adozioni con il Marocco è AIBI..o che almeno sapevo io faceva un po di tempo fa...ora non ne sono più al corrente...e per il Pakistan invece è il NAAA e di questo ne sono sicurissima perchè li ho sentiti sino a pochissimo tempo fa quando paventavamo un possibile cambio ente se l'Ecuador non si muoveva...mi auguro di poterti aiutare un pochino...io te la butto giu dura perchè è così...ma come sai non è detto che ci siano ostacoli nel tuo cammino nell'adozione qual'ora voi decidiate di intraprenderlo....di certo devi mettere in conto tanti momenti dove ti metteranno alla prova chiedendoti sino a dove vuoi arrivare...spaventandoti anche con scenari difficili...e situazioni che davvero ti potranno mettere in ansia...però lo fanno per ponderare davvero quanto tu e tuo marito siate consapevoli di quello che state facendo..e che un bimbo che arriva dal cuore...ha bisogno di molte cose..di molte risorse...di tanta energia e di tanta presenza...sopratutto perchè c'è Picca.....perchè come puoi ben immaginare vi si rivoluzionerà la vita...e se il bimbo/bimba che arriverà avrà problemi comportamentali dovuti a sue mancanze affettive....anche Picca potrebbe soffrirne..sono tutte ipotesi ma da prendere ben in considerazione....per il vostro domani =^______________^=

sfollicolatamente ha detto...

Grazie Paoala!!!
=^__________^=
(hihih ho imparato una nuova faccina, bella!)

paola ha detto...

=^____________^= felice di aver contribuito bacii grandissimiiii =^_________@=

Laura ha detto...

Ah ecco allora mi dev'essere sfuggito, sapevo solo che i musulmani avevano un sistema sociale che permette di "sostenere" un bambino anche quando rimane orfano o viene abbandonato o altro, credevo fosse tassativo invece evidentemente si stanno aprendo un po'!
Bene comunque!

Riguardo alle relazioni è un vero peccato che alcuni operatori non sappiano queste cose.. Per quanto ho potuto vedere io, le relazioni venivano scritte con cura, sapendo che 1) le deve leggere il giudice per poi decidere l'idoneità, 2) le legge l'ente per capire chi ha di fronte e fare il miglior abbinamento possibile!

Per cui relazione scritta così così o male, magari t fa avere l'idoneità ma con l'ente i tempi si allungano tantissssssssimo se non che magari cerca di "boicottare" la possibile adozione..

Faccio pubblicità al FVG perché la regione ha stanziato un finanziamento per sostenere gli operatori del gruppo adozioni e dopo un anno di lavoro i tempi sono finalmente ritornati a norma di legge! E per ora il sostegno c'è ancora, sai mai che dura pure meno dei famosi 4 mesi :-)


Comunque vi abbraccio tutteeee!!

El_Gae ha detto...

Sono argomenti molto delicati e, purtroppo, non intendendosene, si rischia di reagire "di pancia". Conosco molte persone che hanno adottato, alcune sono anche colleghe. Ad una hanno dato la non idoneità e adesso aspetta due gemelli, pensa te. Ci sono genitori che non riescono ad adottare e non si capisce perchè. Altri che non diresti mai che potessero essere idonei ed invece. E magari poi sono pure bravi.
Ad esempio conosco un ragazzo, ex tossico, che è riuscito (non so davvero come) ad adottare assieme alla moglie. Il bimbo è a scuola con Maria ed è uno splendore. E vi assicuro che non sono genitori peggiori di me.
Le regole sono difficile da applicare perchè non si tratta di una scienza esatta. L'alchimia che porta ad essere bravi genitori è difficilissima da trovare.
Ma questo non vale solo per le adozioni, purtroppo.
Ma torniamo faceti: ma nessuno fa commenti sull'elaborazione del rutto? ;)

thepellons ha detto...

Mi viene in mente la scena di una persona che conosco, con figlia di primo letto, che col secondo marito decide di adottare. Vengono a casa a farlel'esame, anzi, le pulci, e chiedono alla bambina: bella bambina, lo vorresti un fratellino?
E lei: NO!
E glielo diedero.
in fondo, forse, hanno un cuore.

sfollicolatamente ha detto...

Davvero Pellona?!? Oddio mi sento come uno yo-yo, ad ogni commento cambio idea...

Gae, a proposito di reazioni di pancia!!
(ma sai che pure il nostro vicino ci ha detto di essere un ex tossico ed sta facendo un gran bel lavoro come padre, da quello che posso vedere?)

Comunque io ve lo dico, anche le SS piu' volenterose e ben disposte di questo mondo, in questo momento se venissero da noi troverebbero un bel casino tra me e DH e quindi direi che e' meglio che aspettiamo ad ogni modo...

Patalice ha detto...

l'adozione non è un'alternativa, perché rendono impossibile considerarla tale!

Parola di Laura ha detto...

penso che tutti quelli che si chiedono perchè non si adotti un figlio forse non conoscono la reale situazione.
Penso che certe cose mi sembrano cavolate in confronto a dei bambini che non hanno famiglia, e che le reazioni di pancia spesso coincidono con quelle di testa

ciao Laura

Anonimo ha detto...

Grееtings from Оhio! I'm bored to tears at work so I decided to browse your blog on my iphone during lunch break. I really like the knowledge you present here and can't wait to tаke
а look ωhеn Ι get home. I'm shocked at how quick your blog loaded on my phone .. I'm not even using WІFI, just
3G .. Anyhow, great site!

Revіew mу web blog; best bucket trucks

Anonimo ha detto...

Excellent post. I was сhecκing continuouѕlу
thіs blog anԁ I аm imргеssеd!
Very helpful info ѕpeсiаlly thе last paгt :) I care for such
infоrmation a lot. I was lοoking
for thiѕ particular infο for a long time.
Thank you and good luck.

Here is my web ѕite - Used Bucket Trucks For Sale

Anonimo ha detto...

I know this if off topic but I'm looking into starting my own weblog and was curious what all is needed to get set up? I'm assumіng having a blog liκe yours wοuld cost a pretty
ρenny? I'm not very internet smart so I'm not 100% sure. Any suggestions or advice would be greatly appreciated. Thank you

Here is my web site: DFW car insurance

Anonimo ha detto...

Hello therе! This іs kind of off topic but I neеԁ some hеlp from аn established blog.

Is іt vеry dіfficult tο sеt up your οwn blog?
I'm not very techincal but I can figure things out pretty quick. I'm thinking аbout making my own but I'm not sure where to begin. Do you have any points or suggestions? Cheers

Also visit my web page: tens

Anonimo ha detto...

Usually I do not learn article on blogs, but I ωish to ѕаy that this
wгite-up vеry compelled me to сheck out and do it!

Your wrіting taste has been аmazeԁ me.
Τhank уou, quite great post.

Loοk at mу blog; search engine optimization dallas

Anonimo ha detto...

You'll find it reduced the problem relief much less than $1590 since i have needn't drop
Coffee house now days. You have important straight-up root base, hint root base, and likewise results plant's roots which in turn spread comparable to the floor. Yourrrre able to consider multiple Bunn coffee percolators plus come with one of the Keurig coffeemakers. It homemade special event desire requires an pre-cut tulle communities, concerning for each community install a couple of the Hershey's Cuddles and 2 to your Hershey's Paper hearts chocolate candy candy bars; obtain the circle among tulle around the perimeter of chocolates and moreover fasten accompanied by color scheme complimenting bend.

Also visit my blog post: best espresso coffee machine

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...