lunedì 19 settembre 2011

Giochino

Tempo fa girava un giochino su Facebook. Era talmente carino e semplice che la mania dilago' in pochi giorni. Ora il giochino e' approdato nel mondo dei blog che frequento - grazie Cuor di Carciofo! - e io non ho potuto resistere al passaggio del testimone. In realta' le avevo scritto che l'avrei postato subito dopo aver pranzato con la pasta al gratin della Iena. Questo era due giorni fa. Non e' che io stia mangiando pasta al gratin da allora, neeeh (anche se sarebbe stato bello). Poi mi son anche fatta, tra l'altro, una pizza, un panino al formaggio, e svariati litri di yoghurt.
Ma come dice Cuor, sto divagando.
Quindi, incollo le poche regole:

Le non regole, liberamente interpretabili:

Copia la tua citazione, indicativamente della 5 frase (ma solo se è di senso compiuto, se no quella più vicina che lo sia) della pagina 56 del libro che hai più vicino o di uno che ti va di metter sotto un riflettore. Se non c'è una pagina 56, somma le cifre (11, 2..)

Linkati al post di Ci, se vuoi

Linka a questo post, se vuoi
Gioca e divertiti!
Se ti piace diffondi!

Buona lettura! 

Ed ecco il libro che ho qui sul tavolo della cucina (che quando mi alzo quelle millemila volte la notte a fare pipi', mi leggo anche un paio di paginette di questo autore inglese che racconta della sua vita in un piccolo paesino nord Italia):
In 99 per cent of cases they keep them outside; they do not like them coming into their houses and would not dream of having them sleep say, at the foot of their beds.

A chi volesse indovinare di cosa si tratta, svelero' il titolo e l'autore del libro (anche se non ve ne frega una cippalippa).
Olla, un giochino nel giochino: mi gira la testa. Un po' come quando misi in google la parola di ricerca 'google', e il PC mi risucchio' in un'altra dimensione, dove quei simpatici ometti verdi mi aspettavano al loro 5 o'clock tea party, e poi misero Barry White e i miei neuroni non furono mai piu' quelli di una volta...

11 commenti:

Marica ha detto...

sembra carino questo gioco, ora ci penso su! :-)
(escludendo il manuale per la preparazione all'esame da ingegnere)
[pagina 56, quinta riga, ce la posso fare]

ma a che si riferisce? a dei gatti?

pasita ha detto...

io il giochino l'ho già fatto su fb...quindi passo....ma il giochino nel giochino mi garba.
per me parlano di zanzare.... forse l'invasione di zanzare di questa estate me le fa ancora pensare ovunque....fammi sapere di che si tratta.
Pa

Owl ha detto...

I folletti no? Quelli dispettosi, non quelli che aspettiamo noi!

Grazie Sfolli, mi piace sempre tantissimo leggerti!

Quando ripasso per il titolo del libro?

p.s. eh ma dopo la pasta al gratin lo sapevo che avresti fatto una pennica ;-D

ha detto...

ciao, grazie per aver giocato e rilanciato il giochino!
...passo, tabula rasa. Attendo la soluzione!

mafalda1980 ha detto...

Anch'io propendo per folletti, gnomi o simili :)
Buona giornata, mi rallegri sempre!

barbabella ha detto...

"certe volte faccio un sogno, un sogno brutto e mi sveglio e penso di aver capito, mi pare di sapere che cosa non va"
ma il bello è la frase che viene dopo!!!! "non nel senso di te che non resti incinta"
destino? ho l'infertilità nell'anima io .... hahaha eppure il primo libro a portata di mano è di stephen king :(

sfollicolatamente ha detto...

hehe Owl, esatto! (sulla pennichella)
Barbabella, wow, che coincidenza...eeekk!
Comunque sono tutte delle idee carinissime, grazie di aver giocato con me!
Marica e' quella che ci e' andata piu vicino -
Infatti prosegue cosi
'The idea of one's child being licked all over by a dog, as I was as a boy, would be unthinkably horrible to the modern Veronese mother'.
Boh, a me sembra un po' esagerato sto Tim Parks (il titolo e' Italian Neighbours). Anche qundo dice che il Cappuccino in Italia non si beve assolutamente dopo le dieci del mattino, e che se lo fai, ti fai riconoscere come uno straniero immediatamente....

LadeaKalì ha detto...

Cavolo, che cosa avrei vinto? Lo sapevo che era lui, Noproblem (ma pure io, e l'avevo trovato esilarante) l'aveva letto per cercare di capire gli italiani con gli occhi di un anglosassone che ci era passato prima di lui...
DH sta facendo pratica, eh?

ha detto...

Non ho letto niente di suo, però ha ragione: se vedi una persona che pasteggia col cappuccino - visto fare enne volte - o lo chiede a fine pasto è SICURAMENTE staniero, molto probabilmente americano... ;-)

Per vedere come ci vedono c'è anche Eat, pray, love, preso in USA quando è uscito (me lo hanno consigliato amici americani), ma non sono riuscita a finirlo... diciamo che è un po' triste come ci vedono... ciao!

sfollicolatamente ha detto...

ooooh Kali, tu sei vincitrice onoraria!!
Carino vero il libro?
A me ha aperto gli occhi su un po' di cose su cui l'occhio non mi si posava neanche piu, tipo i Calendari di Frate Indovino (ora ne abbiamo uno in cucina, just for fun!), e le conversazioni da bollettino medico con gente praticamente estranea - certo poi se parli di FIVET allora NO! Sei una peccatrice che si accanisce su queste nefandezze invece di adottare.....
Si si DH si sta un po' impratichendo: almeno ora e' da un po' che non lo sento dire cose tipo 'Facciamo un salto al negozio di alimentari' alle 9 di sera, oppure che si serve da solo dal fruttivendolo :-D

Ci, e' vero, il cappuccino dopo un past mi fa orrrroooore. Pero' dai, da li a dire che dopo le 10:00 a.m. non si puo' berlo nooo....
Io di Eat pray and love avevo visto solo il film, e infatti gia' da li si vedeva, che per l'autrice l'italiano medio non poteva essere che un manzo latino seduttore che passa la vita tra donne e pasti pantagruelici. Mah!

Bella pero' sta discussione su come ci vedono all'estero, magari ci faccio un post :-)

idril ha detto...

Fatto! http://mrsimpatia-idril.blogspot.com/2011/09/quiz-letterario.html

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...