mercoledì 4 maggio 2011

Uncle Sam wants you

Perche', secondo voi, se quando parli una lingua straniera e si sente (perche' si sente, e' inevitabile) il tuo accento italiano, il tuo interlocutore si sente legittimato a chiederti, ancora prima di dirti "Piacere di conoscerti", "Di dove sei?".
E perche' quando tu, che hai sentito quella domanda mille volte, tiri un sospiro interiore, sorridi accondiscendente, e dici "Sono italiana", l'interlocutore si sente giustificato a sigillare lo scambio con un "Ah, infatti, mi pareva, visto il tuo accento"?

E soprattutto, perche' questo e' considerato uno scambio legittimo, mentre uno scambio simile, non incentrato sull'accento italiano, sarebbe considerato assolutamente politically incorrect?
Per esempio, perche' io non sono legittimata a porre al mio interlocutore, che e' palesemente di origine afro-caraibica, una domanda altrettanto innocente come "Di dove sei?", e quando lui mi risponde "Sono di origine africana", risponderere "Ah, infatti, mi pareva, visto il colore della tua pelle"?

Oppure, perche' io non sono legittimata a chiedere "Ma quanto pesi?", a una persona dall'aspetto palesemente sovrappeso, e poi, sentendomi rispondere "Peso 100 kili", concludere anch'io con un laconico "Ah, ecco, mi pareva, vista quella panza che ti ritrovi"?

Ok, oggi mi sento particolarmente acida. Pero' io queste cose me le chiedo sul serio.
Ormai non mi faccio piu' complessi sul mio accento - lo so, ho l'accento, e sai che ti dico, mi piace pure un sacco. Ma questa cosa che certi individui esordiscono con la fatidica domanda seguita da considerazione sul mio accento non mi va ancora giu'.
Mi pare maleducazione interrompere una persona che ti sta parlando per chiederle una cosa che non c'entra nulla con la conversazione. E mi pare stupido e banale fare considerazioni evidenti, quali queste sull'accento, o il colore della pelle, o il peso di una persona.

In realta', un commento del genere, in condizioni normali, mi farebbe un effetto simile a quello di una mosca fastidiosa: la scacci via dal tuo raggio di consapevolezza, e non se ne parla piu.
Ma quando il commento proviene da un medico della mutua, al quale gentilmente chiedo di prescrivermi il trest della toxoplasmosi, e che mi risponde con un "No, il test te lo devi fare a spese tue perche' sei in cura da una clinica privata", allora mi incazzo.
E non vi sto a tediare su quanto ci sia di sbagliato in quello che mi ha risposto. Infatti, ho deciso che tra due giorni, quando non saro' piu' ufficialemte in cura da una clinica privata (nel bene e nel male), io torno da lui ed esigo che mi prescriva il test. E magari gli chiedo anche da dove viene, cosi per chiudere in bellezza.

Comunque, tanto per tornare al Pessimismo e Fastidio, secondo me sono incazzosa anche perche' mi stanno venendo le mestruazioni.
Ma per il verdetto, ahime', dobbiamo aspettare ancora due giorni.
Nel frattempo, mi trastullo con una pazza idea. Ossia, il Piano B.

E qui il gioco si fa duro, e i duri cominciano a giocare.
Perche' come sapete, questa FIVET e' l'ultimo tentativo che ci siamo concessi per avere un pupo fatto con le mie uova. Se questo non va, mi sembra legittimo concludere che, per quanto io risponda abbastanza bene alla stimolazione, le mie uova, che sono le ultime nella mia riserva ovarica, hanno qualcosa che non va geneticamente. Altrimenti, perche' non si attaccherebbero?
Come dire:
Il Paziente ha risposto egregiamente alla cura.
E dove si trova ora?
Al cimitero.

Allora, io sono pronta a rassegnarmi al fatto che le mie uova non siano viabili (seppure con parecchia rabbia, come si deduce dal mio stato attuale), ma non sono ancora pronta a rassegnarmi al fatto che io non potro' avere un pupo piccolo piccolo da amare fin dai suoi primi giorni di vita. E questo per una serie di motivi sia emotivi che razionali di cui non vi sto ora a tediare.

Se l'adozione in Italia o in UK permettesse di avere un pupo piccolo piccolo, io mi sarei gia' messa in lista d'attesa da anni. E anche Dear Husband. Ma purtroppo non e' cosi, almeno nella maggior parte dei casi.
E allora, o ci trasferiamo negli Stati Uniti, dove pare che questo sogno sia realizzabile, o ci rimbocchiamo le maniche ed escogitiamo un altro modo per fabbricarcelo noi, il pupo piccolo piccolo.

E qui so che alcune di voi non condivideranno la nostra scelta. Perche' la scelta consiste nell'utilizzare non solo il seme di donatore (cosa che stiamo gia' facendo), ma anche uova di donatrice. Praticamente, il mio grembo farebbe da incubatore ad un pupo che non ha alcun legame genetico con me o con Dear Husband. Forse penserete che sia una mostruosita', e che in queste condizioni sarebbe meglio adottare.

Ma per noi non e' cosi.
Per noi la possibilita' di crescere un essere umano fin dal concepimento, di nutrirlo, di sentirlo, di percepirlo, e di amarlo fin dal primo giorno e' un dono prezioso, incommensurabile. Ed e' un dono che era impossibile fino a pochi anni fa, un dono che viene dal progresso della scienza insieme alla compassione e generosita' di altri due esseri umani disposti a concederci questa opportunita'.
E noi vogliamo accoglierlo, questo dono, a braccia aperte e senza pregiudizi.
E per accettarlo, questo dono, ci sono un paio di possibilita', e Dear Husband e Sfolli si trovano ad un bivio solenne.
Per cui nel prossimo post vorrei chiedere il vostro consiglio su quale strada prendere.
Altro che Dungeons & Dragons, gente, altro che telenovela interattiva: qui i vostri personaggi DH e S hanno bisogno del vostro consiglio.
Quindi preparatevi, telecomando e cuffie alla mano, per il televoto dell'anno...

39 commenti:

mammapellona ha detto...

E' una situazione molto difficile. Non posso esprimere un parere sensato, perchè non l'ho mai affrontata. Ti scriverò una piccola mail su quello che penso da un punto di vista un pochino medico. Ok?

JuleZ ha detto...

Stavo per scriverti cosa farei ma voglio pensare positivo.
E dunque aspettiamo, con te, una buona notizia.
E poi vediamo!


(in ogni caso NIENTE mi sembra un abominio, per un sogno del genere)

JuleZ ha detto...

Beh niente tranne il rapimento. Ecco.
(giusto per specificare)

sfollicolatamente ha detto...

Grazie fanciulle mie belle, perche' ci siete senza giudicare, io lo sapevo che potevo contare sulla vostra presenza (anche se magari non sul vostro consenso...e' una cosa su cui le posizioni sono personali e difficili da prendere, lo so)

Si si, MP, scrivi che io aspetto trepidante!

JuleZ, sai che qui c'e' una telenovela in cui hanno deciso di affrontare il tema hot dell'infertilita', e cosa ti vanno a raccontare? Che noi donne "non normofertili" siamo delle pazze scatenate che vanno a rubare i neonati all'ospedale! Ma dddaiii..
(cmq si, finche' non testo, anch'io un po' in realta' ci spero ancora.....)(shhh ;-))

Seavessi ha detto...

un bambino non è MAI una mostruosità. e l'adozione è una strada diversa per tremila motivi, altrettanto valida ma diversa, quindi S e DH dovrebbero fare esattamente ciò che il cuor gli comanda (che attenzione, è meno semplice di quel che sembra), spernacchiando il resto del mondo.

Io però sto ancora incrociata.

Sunshine ha detto...

Forza Sfolli, aspetta a fasciarti la testa prima di cadere, vuoi che con tutto il tifo che abbiamo fatto le tue uova non si diano una svegliata??? E no, eh! Comunque hai tutto il mio appoggio e la mia comprensione e se fra qualche giorno sarà il caso ti darò il mio parere in merito. Ti abbraccio

Ps: quando dopo 6 mesi negli USA sono andata in Irlanda e un taxista mi ha chiesto se venivo dagli Stati Uniti non ho saputo resistere e ho detto di sì!!! E dai, non ne potevo più di sentirmi chiedere "sei italiana?"

serena ha detto...

Uh, anch'io sono penosamente self-conscious del mio accento, e a dirla tutta faccio il possibile per mimetizzarlo. Però chiedere a qualcuno ragione del proprio accento/origine etnica è... indelicato? Un po' come chiedere "Ma voi, figli niente?", tipo. Anche se sono curiosa come una scimmia, faccio il possibile per trattenermi. Io un commentino al dottore della mutua la prossima volta lo farei, ecco. Giusto per ribadire che non solo il colore della pelle è un tema sensibile.

Riguardo al resto, che faccio, aspetto il televoto o blatero direttamente? Blatero direttamente. Boh, io fino a qualche mese fa la PMA non la consideravo proprio. Non per ragioni moral-etiche-vattelapesca, ma perchè era una montagna troppo alta per me da scalare. Non mi pareva di poter sopravvivere per raccontarla. Ora, grazie alle vostre storie, a tutte le chiacchiere che si fan qua dentro e al mio abbondante rimuginamento interno, sto un po' cambiando idea. Siamo disfunzionali, la PMA rimedia a questa/queste disfunzionalità. Punto. Di chi siano i gameti, le capsule Petri e il microscopio usato, sinceramente mi pare meno rilevante. La questione bioetica è spinosa, certo, ma nei limiti delle tecniche accettate, secondo me ognuno deve essere libero di porre il proprio limite dove vuole.

Poi, scusa se son indiscreta, ma Blasto-on-ice?

Owl ha detto...

io sono co JuleZ. aspettiamo un attimo.
In ogni caso non vedo niente di abominevole in questo. Sfolli davvero. Io credo di capire le implicazioni emotive. Almeno se ripenso alle mie. A quelle che mi facevano dire o da lì o niente.
Poi il niente si era già smussato in vediamo. Ma questa è un'altra storia.
Intanto aspettiamo eh.

ElizabethB ha detto...

Sono d'accordo con Seavessi, si parla di un essere umano, di una creatura, non può essere una mostruosità. Certo, stai tranquilla che ci sarà sempre qualcuno pronto a dirti che è una strada da egoisti, ma sai cosa, lasciali parlare. Secondo me si tratta di una decisione talmente importante, difficile, eticamente complicata, sofferta, una presa di coscienza talmente forte e PERSONALE, DELLA COPPIA, una scelta fatta tra un uomo e una donna che si amano e desiderano amare fin dai primi battiti del minuscolo cuoricino, il loro piccolo. Quindi, chiunque si permetta di giudicare, sbaglia in partenza. Le situazioni sono tutte e diverse e le persone tutte diverse. Nessuno dovrebbe giudicare nessuno, perchè spesso parliamo di cose che noi stessi non possiamo comprendere.
Oh mamma come mi sono dilungata, I'm so sorry! (con rigoroso accento italiano ;-))

Pentapata ha detto...

io sono con tutte quelle che dicono "petta mument" che qui noi si è fatto il tifo e non è mica da sottovalutare eh!

SuSter ha detto...

Spero che glie lo chiederai davvero, a quel medico, interrompendolo mentre risponde alla tua domanda sul test anti-toxo: "Scusi, ma lei da dove viene?"
Cambiando argomento: concordo co quanti ti hanno risposto che in certe questioni il giusto e lo sbagliato non sono pane per i nostri denti, ossia: in ceret situazioni bisognerebbe trovarcisi per poter capire, sentire, decidere. e so che anche questa non sarà stata una decisione indolore, o facile. segui sempre e solo ciò che senti e che ritieni giusto per te, per vivere serena e realizzata. Per quel poco che ci è concesso, siamo sempre padroni di determinare la nostra vita. Noi e solo nooi possiamo sapere ciò che è giusto per noi.

sfollicolatamente ha detto...

ooh come mi state commuovendo, sigh sigh che donnine intelligenti, umane, comprensive...sniff sniff, ecco, mi sa che oggi proprio con gli ormoni non ci siamo eh

Allora, concentrazione!

Seavessi, infatti, serve davvero un bel po di coraggio a capire cosa ci sta dicendo il cuore...

Sunshine, a me piu che chiedere ogni tanto se sono tedesca non fanno (vanto un delizioso accento italiano con sfumature di borgo pedemontano). Ma li non c'e' molto da vantarsi, allora di solito mi scandalizzo ancora di piu e dico 'Ma No, non senti che sono italianaa'? insomma, non mi va mai bene niente...

Serena, infatti, indelicato mi sembra la parola giusta! Allora ci ho messo anch'io lo zampino nel farti prendere in considerazione la PMA eh, oddio che responsabilita' ;-) Poi se mai deciderai di procedere, sappi che io sono qui per te!!
Il Blasto on ice, infatti, complica un attimo le prospettive, era per quello che vi chiedevo il televoto (in breve: c'e' una coppia che e' disponibile a donare degli embrioni on ice, e io non vorrei che passando un altro paio di mesi a trastullarci col blasto on ice, gli embrioni ce li portasse via qualche altra coppia, perche' la clinica non ce li lascia 'riservare' - insomma, un casino)

Owl, vero che gli orizzonti cambiano in continuazione? Ma e' un bene, la flessibilita' e' sinonimo di intelligenza secondo me.

Liz, e' vero, e' una scelta personale! Ma e' anche vero che si, ci dobbiamo preparare a chi ci dira' che e' una scelta egoistica e ci chiedera' "Perche' non adottate anziche' incaponirvi, che ci sono tanti bambini bisognosi?". E' gia' successo, con un post anonimo di qualche tempo fa...


Penta, ok, allora io mi metto calma e bbona e aspetto, come mi avete detto in tante.
Che non e' ancora detta l'ultima parola (si, pero', ssssshhh)

sfollicolatamente ha detto...

E' vero SuSter, questa cosa del fatto che ci e' ancora dato di scegliere mi fa stare molto meglio! Grazie dell'avermelo ricordato!

Owl ha detto...

Non è detto eh, io continuo ad aspettare.
Però... leggevo l'altro giorno di una coppia che si è fatta impiantare il blsato on ice dopo 11 anni e un primo figlio. So (accento italianissimo) quanto può stare on ice un blasto?

sfollicolatamente ha detto...

Owl, immagino che la coppia avesse creato il blasto on ice quando erano giovani e le uova le avevano ancora buone. Io invece sono agli sgoccioli e pare che le mie di uova siano di dubbia qualita', quindi puo' essere benissimo che il blasto on ice ha delle anomalie per cui non si attacca neanche quello. Insomma, un casino...

Owl ha detto...

Aspè forse mi sono spiegata male. Loro avevano questo blasto che è rimasto lì a riposare. Nel frattempo il primo figlio lo hanno avuto in modo diverso (l'articolo non specificava come). Dopo 11 anni la clinica li ha chiamati per chiederne cosa volevano farne. Ed è nato un altro bimbo.

Quello che volevo dire, e che magari puoi andare avanti per altre strade e lasciare a fare riposino quello.

Scusa Sfolli se sono stata indelicata, non volevo.

sfollicolatamente ha detto...

No macche' indelicata Owl!! Mi sento cosi fortunata ad avere persone che si appassionano alla nostra avventura, che ascoltano, ci pensano, che danno consigli, che ci tengono insomma!
Credo che alla fine faremo proprio quello che stai dicendo tu: il blasto lo lasciamo li, che tanto non c'e' fretta (puo' starci anche per anni infatti), e intanto ricorriamo alla donazione. Il fatto e' che vorremmo anche adottare in futuro - haha pensa se ci ritrovassimo con troppi figli alla fine (si, ciao, utopia) ;-)

Owl ha detto...

Ora vado che la carrozza mi si sta trasformando in zucca sotto il naso. Aspetta però, non smettere di crederci ancora!

Clara ha detto...

Sfolliiiii, eh, no, qui si continua a sperare e a tifare, non deluderci!

Poi per la questione delicata, ti dico solo questo: tutto ciò che viene dal cuore, dritto dal cuore o dalla pancia, è umano. Sentimento. Istinto. Bene. Quindi segui il tuo cuore, no limits!

Per la questione indelicata dell'accento:
1)all'estero in generale, mi chiedono, ah ma sei italiana? Lo capisco dall'accento... e magari te lo dice un francese o uno spagnolo che parla inglese con più accento di te... :-)
2)in India, mi hanno spesso scambiato per.... indianaaaa!!! Grande onore, mai stata più contenta
3)in Italia, mi chiedono sempre, "ma tu non sei di qui?". 90% delle volte mi danno della sicula-terrona generica, 10% mi hanno scambiata per albanese... sono semplicemente brindisina! Ho un forte accento, lo so, ma sono pur sempre I T A L I A N A

(tutto questo x farti ridere)

Vai Sfolli, noi siamo tutte con teeee

serena ha detto...

Sfolli, sì, sarebbe da ridere se alla fine vi ritrovaste con troppi figli ;oPP. Ma ti dirò, essendo desiderati non saranno mai troppi.

Clara, quella dell'accento italiano è forse una questione centrifuga? Tu da pugliese sei passata ad albanese, io da nordestina ho avuto chi era assolutamente convinto io venissi dal Kosovo. Erano proprio allibiti quando ho detto di essere italiana. "Ma sei sicura?" :o/

Ritornando a Sfolli, cara, noi in realtà qui si fa melina preparando il tifo per la test-giornata...

Clara ha detto...

@Serena: forse hai ragione tu, ed è una questione centrifuga, eh eh. Più volte, qui a Ravenna mi hanno scambiato per albanese, o anche a me dicevano "ma sei sicura?"
@Sfolli: bellissimo che ti ritrovi con tanti figli :-))))))

Donne al cotto ha detto...

cara sfolly,
uno, anzi due, anzi tre respiri...
maria quante cose da dire
1) fino al test nessuna certezza, dai già per scontato che non stia andando bene dentro di te?!?!? io faccio il tifo con tutte le altre. fino al ciclo, ci si spera sempre!!! vietato non sperarci ;-)
2) blasto on ice, quella intanto è una certezza. Non ne sei sicura che vada a termine, ma è un vs. piccolo blasto. Solo vostro. Va difeso.
3) blasto di altri, qui la cosa è delicata. Va decisa solo da voi due, va ponderata come la prima volte che avete pensato di far figli. Approvo il farlo, ma non possiamo secondo me dirti noi che va bene. Sai la morale conta poco, conta la vostra scelta. Poi gli altri che dicano pure quello che vogliono, se dentro di te sei sicura, le voci degli altri non ti fanno male. E poi... a chi cavolo devi dirglielo?? A familiari stretti (ma anche no) e basta!!!

Mi associo alle altre... sei passata dal... oddio mi arriva il ciclo a... 3 possibilità :-))!! Stai serena, anche se non è facile.
E per ora pensa a ciò che è dentro di te! Dagli una possibilità, almeno per questi due/tre interminabli giorni.
Forza!!! Siamo con te

sfollicolatamente ha detto...

wow ragazze ma sta cosa dell'accento centrifugo e' geniale! Infatti a me, che sono del centro nord, chiedono se sono tedesca.
Grazie sisters, siete riuscite a tirarmi fuori dall'ingrugnimento :-)

Grazie anche a te Donne al Cotto! Oddio vi sto tirando matte con tutte ste opzioni..in effetti sono tante, per fortuna!! (pero', tanto per chiudere con Pessimismo e Fastidio, il fatto che il ciclo non mi sia venuto potrebbe essere dovuto alla cura di progesterone...) (okkey ora la smetto ;-))

Marica ha detto...

Eccomi cara Sfolli!
(scusa, ma ho il fuso e arrivo sempre tardi).

Prima cosa: continuiamo a fare il tifo, eh! Mai fermarsi con il supporto!!! :-)

Piano B: mi sembra cmq giusto pensarci, anche per il futuro (e che ti vuoi fermare a un figlio solo?).
Ovviamente solo voi sapete cosa e' giusto per voi e nessuna scelta va giudicata.
Un'altra cosa che si puo' fare qui in america (e mi chiedo se quindi esista anche in UK) e' l'adozione degli embrioni surgelati.
Ti chiederai: perche' adottare un embrione gia' fatto e surgelato, figlio di altri, che non farne uno per noi? beh, innanzitutto perche' gia' esiste e se nessuno se lo prende verra' buttato
(poi qui ognuno fa le sue considerazioni etiche e morali o quanto altro); e poi perche' cmq quell'embrione e' gia' di per se' figlio dell'amore di due persone (e questa e' una nota di romanticismo), piuttosto che un incrocio casuale di ovuli e spermatozoi...

Clara ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=c6SreNgKpac&NR=1&feature=fvwp

Li adoro i Pogues, e questa canzone è sognante

SuPeRaNa ha detto...

Sfolly.. Sfolly.. non ho voluto leggere i commenti sopra per non farmi condizionare però due cosine te le devo proprio dire..

primo..non cominciare a pensare all'arrivo delle rosse io sto in silenzio sss...s..s..s..ssss.. però tu basta dir cazzate!!

secondo..perchè dovrebbe importarti del giudizio di chi si permette di giudicare una scelta senza averla vissuta? ovvero perchè t'importa di come la pensano persone che non sono arrivate a fare la vostra scelta? S&DH vogliono adottare? per me va benissimo, se loro sono felici e quella è la loro scelta.. S6DH vogliono tentare con una donazione totale? perchè no? sono scelte vostre.. io starò qui a farvi da supporto. e da tifoseria!! ma in tutto questo il test lo fai in diretta? anche perchè se lo fai venerdì dimmelo che devo collegarmi con il telefonino!! baci baci

sfollicolatamente ha detto...

Marica, ciao! Infatti questo sarebbe il nostro Piano B: c'e' una coppia che vuole donare i propri embrioni (mi piace la tua visione romantica, sai che io nel mio cinismo pensavo - ma perche' li vogliono dar via, si saranno mica lasciati?) :-)

Clara, grazie, continuo a ripromettermi di ascoltarli di piu, i Pogues!

hahaha Super, ok ok smetto di dir cazzate e torno a covare ;-) Si, testo venerdi, e credo che postero' in mattinata, perche' poi, nel bene o nel male, stacco e vado a un addio al nubilato per tutto il week end (se e' negativo, mi prendo una bella sbronza! ok ok smetto di dire cazzate hahahah)

pinkmommy ha detto...

ehi stellina...ok pensare al piano B, ma non fasciamoci ancora la testa ok? :)
e comunque, qualsiasi cosa voi decidiate, qualsiasi strada scegliate di intraprendere, è la VOSTRA decisione, la VOSTRA strada, la VOSTRA vita, e non ci sarà mai niente di brutto o mostruoso in quello che il vostro cuore vi porterà a fare...
il nostro appoggio ce l'avete ;)

Wanesia ha detto...

io sono incrociatissima cara, per il televoto ci sara´ tempo dai....
si si si odioso quel tipo che ti chiede da dove vieni! Una padella di axxi suoi no!? eh?

Clara V ha detto...

Allora io arrivo in superritardo e quasi tutti quello che avrei detto è già stato detto. Ma repetita iuvant. Allora, io capisco perfettamente la tua necessità di cercare un piano B anche se non sai ancora come va il piano A, considera che qualche giorno fa ho passato ore a guardare i siti delle agenzie per le adozioni internazionali. C’ sempre bisogno di una via di fuga mentale se no si va dritti dritti ai matti.
Per quanto riguarda cosa seminare nel tuo pancino se questa dovesse andare male (che io nasco pessimista, ma perchè ti bocci prima dell’esame? lo so che sono le 40 ore più lunghe del mondo).
Capisco le tue remore sul blasto on ice e lì è tutta una questione di investimento emotivo. Affrontare un possibile fallimento o rimanere sempre con la pulce nell’orecchio? e poi che ne fareste? donazione ad altre coppie? donazione alla scienza? distruzione? limbo dei fumi di azoto liquido all’infinito?
Per quanto riguarda la questione dei gameti donati, io sono sempre stata dell’idea, come altre qui, che piuttosto che ricorrere alla donazione di entrambi i gameti (nel mio caso era “piuttosto che ricorrere alla donazione anche solo di uno dei gameti”) sarei ricorsa all’embrioadozione. Come è messa l’UK a tal riguardo? a parte quelli in ballo di cui parli quali sono i numeri nelle cliniche? Io so che ci sono paesi in cui embrioni orfani ce ne sono e anzi vorrebbero fare una specie di campagna di adozione (non ricordo assolutamente la fonte però, potrebbe anche essere un mio neurone impazzito sulla cosa della campagna... embrioni orfani ce ne sono). Qualsiasi scelta secondo me non va però fatta con la fretta. In questo caso secondo me non dovreste prendere quegli embrioni solo perchè sono disponibili ora. Lasciatevi il tempo di pensare ragionare ed essere lucidi e consapevoli. Se per quel momento gli embrio saranno ancora disponibili ben venga se no ne troverete altri. Se sei disposta ad andare in america per adottare un newborn potresti alle brutte anche fare un viaggio della speranza in Spagna. Tutto questo è il mio umile parere e spero di non averti fatto arrabbiare in nessun modo. Ho solo detto quello che farei il al posto tuo (o quello che farò quando mi ci troverò, con la differenza che in italia gli embrio orfani non si possono adottare). Sono riflessiva e quindi rifletto allo sfinimento e analizzo tutte le sfaccettature.
Per quanto riguarda la vita dell’embrio crioconservato, se ben conservato, cioè senza sbalzi di temperatura la sua durata è pressochè infinita poichè il metabolismo è fermo, e tutto è cristallizzato. I danni possono avvenire nello scongelamento, quando si può formare qualche cristallo d’acqua che può rompere le cellule e danneggiare la struttura dell’embrio stesso.
un abbraccio e anch’io ti sto pensando tantissimo in questi giorni.

SuPeRaNa ha detto...

Sfolly: a che ora la diretta.. sai già mi vedo a gambe all'aria a fare l'eco.. con il cellulare in mano per vedere le tue news!! che scenetta!

LadeaKalì ha detto...

Ciao, è la prima volta che passo di qui, il tema che affronti è molto delicato, e proprio per questo nessuno può permettersi di giudicare, men che meno chi non si è mai trovato nella tua situazione. L'unica cosa che posso dirti è complimenti per il coraggio e il modo divertente e battagliero in cui affronti il tuo percorso...
Ladeakalì
p.s. quella della "panza" m'ha fatto piangere dalle risate...

WonderP ha detto...

Giusto per confondere un pò le idee: io avevo tutti i soliti sintomi pre-rosse (tette dolenti, fame atavica...) ed ero ripiena del Paciuk...
t'ho detto tutto

scricciolo ha detto...

Non ho letto tutti i commenti, lo farò domani con calma. Quindi non so se scriverò cose già dette o meno. Ma volevo cmq dirti la mia.
Tempo fa ho visto su sky una trasmissione dove parlavano di questa coppia che ha "dato alla luce" un figlio con ovulo e sperma di altri. Lì per lì mi ha un pò raccappricciato la cosa. Si davvero mi ha fatto senso. Mi pareva non c'entrasse nulla con entrambe... come poteva esser loro figlio? Ma era ancora il periodo in cui l'istinto materno non era così insito nella mia testa e nella mia anima.
Ho sempre detto e qui lo scrivo e lo ribadisco che nel caso non mi fosse data la possibilità di procreare per qual si voglia motivo io&lui non avremmo nessun problema a decidere di adottare: ci son tanti bambini orfani o non amati tanto da poter crescere con i genitori naturali. E ho sempre pensato solo all'adozione per il semplice fatto che a me di farmi torturare per un "forse ce la si fa a rimanre incinta" proprio non mi garba.
Con la consapevolezza di ora, con la voglia di questo periodo e l'istinto che mi porta ad voler essere a tutti i costi madre, oggi e bada bene dico oggi quei due li capisco. E Vi capisco.
E forse ti dirò credo che sia un amore che cresce ancora prima rispetto ad quello che potresti provare per l'adottato: hai tempo di abituarti a lui, lo cresci dentro di te, lo nutri di te...
E cmq mettere al mondo una creatura non è mai mostruoso. Questo è sicuro.
Buona scelta :*

sfollicolatamente ha detto...

Ok, ragazze, allora godiamoci queste ultime 40 ore di speranza :-)

Clara V, vedo che io e te funzioniamo in modo molto simile: io il viaggetto pe ri siti dell'adozione me lo ero fatta proprio la sera prima della laparocopia (al tempo temevo che mi trovassero endometriosi, oddio quante pare)
E poi siamo entrambe due riflessive e che cercano di ragionare con la logica dei fatti.
Sulla embrioadozione (carina la cosa di vedere anche questa come un'adozione :-), qui e' una cosa rara - non ci sono molte coppie disposte a donarne (certo, e' anche vero che sono poche le coppie che scelgono questa strada, rispetto a quelle a cui magari serve un gamete solo e preferiscono ricevere da una parte sola). Per cui questa cosa che ci e' capitata degli embrioni in donazione e' un'opportunita' da prendere al volo, secondo me.
Sai che non avevo mai pensato che una coppia alla quale magari serve solo un gamete possa preferire un embrione donato piuttosto che tenersi il 50% di geni 'in famiglia'? Effettivamente, mi ricorda un po' quello che dissi a Dear Husband quando scoprimmo che non aveva seme ma io credevo ancora di avere uova: "Allora tanto vale adottare, cosi partiamo da tabula rasa entrambi". Il concetto e' simile. Oddio e' uscito un fiume di parole anche a me :-)

Ooh Super, of course, venerdi e' un grande giorno per entrambe! Saremo sintonizzate mentalmente, vedrai (e non ti preoccupare, che la prima eco e' solo per avere una prima idea della situazione, ma poi ti possono aggiustare i dosaggi ed e' tutto ancora aperto :-))

Benvenuta DeaKali! Spero di rivederti presto tra di noi :-)

WonderP, davvero?? Speriamo....perche' a me piu' che le tette dolenti vengono sintomi strani, tipo bocca secca e capello moscio (devo ancora avere un riscontro sulle occhiaie e l'aspetto sbattuto!) Ok ok, speriamo!

Scricciolo, grazie del tuo commento, lo apprezzo davvero tanto! Sono davvero convinta che la capacita' di rivedere le proprie opinioni in continuazione sia un indice di intelligenza e saggezza (soprattutto quando si cambia idea per essere d'accordo con me hihihi, no scherzo dai, l'importante e' la compassione reciproca, al di la di ogni possibile divergenza!!)

Marica ha detto...

qui l'embrioadozione credo che sia abbastanza diffusa... perche' in tanti casi ci sono embrioni che avanzano, e sicuramente ce ne saranno pure in uk.
come dici tu, e' una scelta valida decidere di prendere un "patrimonio genetico" estraneo ad entrambi anziche' estraneo ad uno solo.

ribadisco che ognuno fa le sue scelte e ribadisco che un figlio e' un figlio indipendentemente dai geni che porta dentro.. detto cio' ti confido che io preferirei avere un figlio "geneticamente diverso" da entrambi che non un figlio "geneticamente uguale" a mio marito e ad una donna X.
ma questo e' il mio limite, non per tutti e' cosi.

ma quindi venerdi' io mi devo mettere la sveglia nel cuore della notte per venire a leggere come e' andato sto test di gravidanza? :-)

Anonimo ha detto...

amica mia, noi ti appoggiamo.
noi = io e il mio alter ego ma anche e soprattutto noi = tutte noi che ti seguiamo.
però nessuno può dirti cosa è più giusto per te e dear Husby...
per sdrammatizzare pensavo...con uova e seme esterni, non è che poi rischia di uscire SENZA caratteristico accento pedemeontano-really-really-british?! abbraccio

sfollicolatamente ha detto...

Marica (e Super): a quanto pare, no c'e' bisogno che vi colleghiate in teleferica :-)))

Grazie Volpe dell'appoggio incondizionato, tvttttb :-) allora, pare che sto robino qua stia lottando per attaccarsi (con la picozza, da vero montanaro), il tutto in nome dell'accento pedemontano :-)))

valepi ha detto...

ahahahahahah
evidentemente il post successivo è stato di tutt'altro tono!!!
e meno male!!

io comunque ti avrei appoggiato incondizionatamente. in questi casi secondo me si deve seguire solo il proprio cuore e non trovo molta differenza tra adottare un bimbo, che comunque non avrebbe un solo vostro gene, o adottarlo, dato che per voi è così importante sentirlo crescere fin dall'inizio...

comunque ora non serve!!!

se ti serve una vera picozza montanara facci sapere e te ne spediamo una valangata!

... ma poi ci farai sapere come va con il medico stupido??

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...