lunedì 17 gennaio 2011

A casa

Eccomi qui, di ritorno nella mia casetta di Nottingham, circondata da tutti i ricordi - quelli concreti - che mi sono portata dietro, ovvero uno zaino ricolmo dei 15 Kg consentiti da una nota compagnia low-cost (quella che da qualche anno ha deciso di potersi liberamente permettere di appioppare ai propri clienti "costi" aggiuntivi come fare il check-in, mettere un bagaglio nella stiva, fino addirittura al "costo" di poter usare la propria carta di credito con la quale pagare il biglietto...mentre sono in fase di progettazione costi aggiuntivi come quello per poter usare la toilette e di poter respirare l'aria pressurizzata).

Ecco, sono finalmente riuscita a trascinare il mio storico zaino scout attraverso le Alpi, la Manica, e un pezzo di campagna inglese e ora siedo circondata dal mio bottino, che annovera, tra le altre cose:

- una maglietta con Alice nel Paese delle Meraviglie con aria sognante e gatto in grembo, azzeccatissimo e dolcissimo regalo della Volpe

- una cintura di pelle nera per Dear Husband (rimasto a Nottingham a lavorare e studiare per diventare osteopata), che al momento di indossarla si e' rivelata essere troppo corta.
"Ah, ma sono questi Italiani che sono mini, non sono io che sono grasso", puntualizza Dear Husband, con la velocita' di chi sa di raccontarla grossa

- e dulcis in fundo (e qui, giuro, mi e' appena scappato un "dulcis in fungo", corretto in extremis), tante, ma tante leccornie. E quando dico tante, voglio dire tante, ovvero, sei kili SEI di formaggio, e non vi faccio la lista dei tipi perche' altrimenti mi scappa la salivazione e qui non se ne esce piu'. E poi, appunto, un pacco mega di funghi porcini secchi, e una bottiglietta di olio di tartufo.
E poi biscotti Ricciarelli, Cantuccini, Amaretti soffici e duri, e caramelle a volonta'.
E poi salse alle olive, pesto, e poi e poi e poi...la salsa coulis di kiwi fatta in casa da F., che verra' gelosamente custodita e protetta dal vorace Dear Husband - almeno fino a quando non entrera' nella cintura italiana. E che sia la volta buona, che si mette a dieta, in nome della fashion italiana? Magari e' cosi, visto che l'ho gia' visto fare di tutto pur di sembrare italiano, anche vestirsi da "mafioso" con tanto di camicia nera, pantaloni e giacca di lino beige, occhiali da sole, quintali di gel nei capelli, e udite udite, cappello di panama. Piu' che un italiano, sembrava l'Uomo del Monte.
Ma queste erano prove tecniche risalenti a 10 anni fa. Nel frattempo si e' affinato, e ha pure imparato a cucinare molto meglio di me!

Allora, immagino che ora pensiate a me come un lavandino, un pozzo senza fondo, un'oca all'ingrasso, una balena...ma io vi assicuro che in realta' sono un donnino per bene, di quelli da tisane, che mangiucchiano insalatine e sbocconcellano sani snack alla frutta durante il giorno.
Solo che quando torno in Italia, e ci torno circa un paio di volte all'anno, non di piu', non so resistere. Anni fa mi riempivo lo zaino di prodotti di bellezza vari: creme, shampoo, addirittura fanghi anti-cellulite. Ora mi rendo conto che, in realta', la cellulite l'avevo nel cervello, e che le priorita' nella vita sono altre. Ovvero, un panino al formaggio.
Finalmente ci sono arrivata. Dulcis in fungo...

E poi, sicuramente tutto questo ben di dio ai follicoli fara' benissimo, vero?
E' proprio scientificamente provato, che le proteine fanno bene alle uova. In particolare quelle provenienti da Scamorza, formagella della Val d'Aosta, Pecorino, Taleggio, Parmigiano...
Ecco, lo sapevo, mi e' scattata la salivazione. Non ce la posso fare.

Volevo scrivervi del viaggio, ma vi lascio con le foto. Quelle del viaggio di andata, il Primo Gennaio. Lo raccomando a tutti: un viaggio in solitario tra stazioni e aereoporti assolutamente deserti. Niente folla, niente schiamazzi, niente pupi strillanti al decollo, niente di niente a impedirvi di scivolare, kilometro dopo kilometro, nell'oblio del ritorno ai luoghi dell'amore, della facilita' e delle certezze.

Salvo, poi, avere un disperato bisogno di tornare a farsi pere su pere di ormoni.
Prossimamente: il Richiamo della Siringa, Parte Seconda!


































12 commenti:

Nina ha detto...

Bentornata Sfolli...ma lo sai che mi sei mancata?
Ma si, fai bene, ricaricati e nutriti perchè adesso si riparte con la caccia e servono taaante energie ;)

Speranza ha detto...

Buon rientro.
Devo proprio essere deficiente: non avevo capito che tuo marito è un Mister inglese al centopercento. Pensavo che foste lì per lavoro!
OK. Ho aggiornato il database.

sfollicolatamente ha detto...

Anche tu mi sei mancata Nina! Niente aggiornamenti? Troppo incrociata per il countdown, immagino...

hehe Speranza, credo di non averlo mai detto esplicitamente, che il Dear Husband era inglese centopercento. E' che ogni volta che comincio una storia, cento altri contenitori mi si aprono nel cervellino, e va a finire che non racconto le cose in ordine per bene. Vabbe, cosi faccio la misteriosa che fa cadere un velo alla volta, tipo strip tease ;-)

Marica ha detto...

ma come torni solo due volte l'anno? stai cosi' "vicino"! :-(
cmq hai fatto benissimo a riportare kili e kili di cibo, io non ho comprato il parmigiano e mi sto ancora mangiando le mani! :-(

e in bocca al lupo per le punture!!!

[tra l'altro... non c'entra niente (quasi) a me e' avanzata una siringa di Gonal, che e' costata pure un sacco di soldi.. idee su come rivenderla? o regalarla al limite?]

WonderP ha detto...

Ciao Sfoll!
bentornata li! anche se è stato bello averti qui!
Ancora convinta della raccolta delle uova ecc ecc dopo il nostro incontro a 5 con la Volpe?!
Bene bene, allora sei pronta davvero!
hi hi hi

sfollicolatamente ha detto...

Marica, eh si, pensa che nel borgo pedemontano non tornavo addirittura da un anno intero!

Le punture le riprendo tra un paio di mesi (ho la review settimana prossima, e credo mi diranno che devono passare tre mesi tra un tentativo e l'altro :-( )

Allora anche tu prendevi il Gonal, compagna! (magari un giorno se vorrai mi racconterai la tua storia di vari tentativi...)
Io le mie medicine le prendo da una mailing list, dove le persone che hanno delle medicine in avanzo le vendono circa a meta' prezzo. La mailing list e' di yahoo.co.uk, e copre solo l'UK. L'ho scoperta tramite un forum di pazienti di una clinica grande che si chiama CARE (dove vado io).
Magari prova a postare su un forum di una clinica grande negli US, che poi da li ti dovrebbero saper indirizzare...

WonderP, ecccerto che sono convinta dopo la nostra fugace uscita: anzi di piu! :-)))

Funambola ha detto...

Ehi sfolli, bentornata in Italy!!! ^_^ riposati per bene e poi riparti alla carica che quest'anno ce la devete fare tu and you dear husband..................

Funambola ha detto...

*your

tinafesta ha detto...

Ciao Sfolli! Eccomi qui! Mi sono iscritta al tuo blog per seguirti.
In bocca la lupo per tutto! La vita riserva sorpresa che vanno oltre la nostra immmaginazione ed aspettative!
Tina

Funambola ha detto...

aaaaaaaah! Ma io avevo capito che tu eri in Italia. Invece, ci sei stata, ma sei già tornata a Nottingham...
:) spero ti sia rilassata qui, almeno un po'! :D

mammadifretta ha detto...

ciao, proprio un bel blog il tuo..e grazie di esere passata ;)

sfollicolatamente ha detto...

eeh si, Funambola, mi sono rilassata proprio per bene in quelle due settimane di Italia - ora sono carica per affrontare i prossimi mesi :-)

Grazie del sostegno e della speranza Tina!!

E grazie anche a mammadifretta per il messaggio!

Buona settimana a tutte e a presto!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...