mercoledì 1 dicembre 2010

Piccoli Embrioni Crescono

Embrione n. 1: 2 cellule
Embrione n. 2: 3 cellule
Embrione n. 3: 3 cellule
Embrione n. 4: 4 cellule
Embrione n. 5: 4 cellule

Eccoli qui, pronti all'appello!

Ormai credo che vi sia sorto il sospetto che io dia i numeri. E infatti ve lo confermo: sto dando i numeri! Sono giorni cosi' *, e dare in numeri e' concesso. Anzi, tutto e' concesso, perfino sperare. Ma con moderazone, eeeh!

Comunque, gli embrioni se ne stanno sempre la', nel loro loft di cristallo, e si dividono.
Andatevi e moltiplicatevi, disse l'embriologa; e loro ubbidirono.

E non solo si moltiplicano, ma lo fanno pure con classe, senza sbavature. Ovvero, hanno un livello minimo di frammentazione, che vuol dire che sono di buona qualita'.
Insomma, si capisce che sono orgogliosa dei nostri embrioni?

Comunque, il mio mantra e' sempre quello: Oggi andiamo bene, domani non si sa.
Ripeto, gli embrioni devono stare ancora almeno un giorno nel loft per vedere se continuano a dividersi. E poi, se riusciamo ad averne uno buono, lo trasferiamo in utero (quindi non vi preoccupate: niente parti plurigemellari: la mutua ci consente di trasferirne solo uno!), e da li e' un po' tutto in mano al caso.
Attecchira'? Non attecchira'? Bisogna aspettare due settimane per scoprirlo. E non ci sono certezze: ho letto tante storie di embrioni da manuale che non attecchiscono. E' una di quelle questioni su cui i medici non si sono ancora raccapezzati, questa dell'attecchire. Insomma, loro non ci capiscono una mazza, e noi siamo nelle mani del destino.

Ma concentriamoci sul presente: alle dieci di domani mattina ci telefona ancora l'embriologa per aggiornarci sullo stato degli embrioni. E da qui, i casi sono due:
Se sembra che uno sia nettamente in pole position in quanto a divisione cellulare e qualita', allora ce lo facciamo trasferire in mattinata (e vediamo se gli altri sono abbastanza buoni da congelare**).
Se, invece, vediamo che procedono tutti allo stesso passo, allora aspettiamo un altro giorno, per vedere come si sviluppano.
C'e' chi sostiene che trasferire gli embrioni al terzo giorno (cioe' domani) sia meglio, e chi sostiene che sia meglio aspettare, perche' piu' gli embrioni sono sviluppati al momento del transfer, piu' alte sono le probabilita' che attecchisca. Insomma, tanto per ribadire il concetto: sti dottori non ci capiscono una mazza, la scienza non e' infallibile, e noi siamo nelle mani del...
Destino!
(bravi)


* Mi e' venuto in mente che forse un chiarimento sull'ortografia serve: in teoria so che non ci vorrebbe l'apostrofo al posto dell'accento, ma in pratica ho la tastiera inglese e sono troppo pigra per cercare gli accenti tutte le volte...(lo so che ci stavi pensando da un pezzo, WonderP uauauauaa)
** Cosa che in Italia non si puo' fare. Inoltre, in Italia non mi risulta che avrebbero acconsentito a fertilizzare piu' di tre embrioni. E la lista delle differenze e' lunga, ma di questo parlo un'altra volta, quando mi posso permettere di farmi accecare dalla rabbia e ho un paio di effigi del Papa da mettere nel camino.

2 commenti:

Simona ha detto...

Uh, che argomento delicato.Ma trattato con molto coraggio e trasparenza. Complimenti, mi hai leggermente spiazzato.
Un sorriso e in bocca al lupo per tutto :-)

sfollicolatamente ha detto...

Grazie mille Simona!
(ma come hai trovato questo blog?)
Il tuo e' fantastico, ti verro' a trovare ancora :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...